D'Aversa: "Cagliari è un crocevia, Sampdoria dovrà concedere il meno possibile"

16.10.2021 12:59 di Lidia Vivaldi   vedi letture
D'Aversa: "Cagliari è un crocevia, Sampdoria dovrà concedere il meno possibile"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Alla vigilia della trasferta in Sardegna mister Roberto D'Aversa ha parlato nella consueta conferenza stampa pre partita. Queste le dichiarazioni del tecnico blucerchiato rilasciate ai canali ufficiali, a partire dall'analisi dei precedenti tra Cagliari e Sampdoria, decisamente a favore degli isolani:

"Ho letto molto in settimana sul fatto che Cagliari sia un campo ostico. Tra corsi e ricorsi storici mi è quasi venuto da fare gli scongiuri. Non vogliamo che questa diventi una tradizione: è venuto il momento di stopparla. Ci aspetta però una partita molto difficile: sappiamo l’importanza di questa gara e l’affronteremo con il massimo impegno."

Sull'avversario: "Il valore della rosa del Cagliari non è rispecchiato dalla classifica, noi dobbiamo ragionare sulle qualità della squadra che andiamo ad affrontare. In questo momento hanno qualche problema di risultati, noi dovremo essere bravi a non lasciare che si ricrei quell'entusiasmo in un campo particolare, dove c'è un pubblico che si fa sentire. Dobbiamo farci trovare pronti per intensità, determinazione e qualità."

Sugli impegni dei nazionali e l'infortunio di Damsgaard: "Quando c’è la pausa e ci sono i nazionali che vanno fuori non si può mai immaginare in che condizioni tornano. Però sono cose che sappiamo: quando ci sono impegni ravvicinati come questi non si può fare diversamente, non dobbiamo crearci alibi ma concentrarci solo sul campo e sul fare risultato."

Sul fronte infortunati ci sono buone notizie: "Ci sono due aspetti positivi, però: tornano due giocatori importanti come Gabbiadini e Verre, che danno alternative tattiche sia dall’inizio che a gara in corso. In questi impegni ravvicinati dovremo essere maturi e intelligenti per cercare di ottenere sempre il massimo. Mi ripeto: servirà una prestazione all’altezza, perché questo è un crocevia. Dobbiamo concedere il meno possibile e fare sì che la nostra prestazione coincida con un risultato positivo".