Primavera a testa alta contro la capolista: è 1-1 al 45'

10.03.2019 10:52 di Diego Anelli   Vedi letture
© foto di Alberto Mariani/TuttoAtalanta.com
Primavera a testa alta contro la capolista: è 1-1 al 45'

A Zingonia la Primavera va negli spogliatoi sull'1-1. Contro la capolista Pavan schiera Krapikas tra i pali, difesa confermata con Doda, Veips, Farabegoli e Campeol, Soomets, Trimboli e Giordano in mediana, ci si affida a Prelec in avanti supportato da Scarlino e Yayi Mpie.

Il primo quarto d'ora vede l'Atalanta pressare alto, i ragazzi di Pavan soffrono e in quattro occasioni rischiano di andare sotto. La mira di Traore, Cambiaghi e Kulusevski non è precisa, ci pensa il rientrante Krapikas a respingere il tentativo di Piccoli.

Al 5' il dominio neroblu viene interrotto dall'ottima percussione centrale di Scarlino, il quale, entrato in area, cade su contatto con Del Prato, per il direttore di gara non è rigore.

Trascorsi i 15' iniziali prendiamo coraggio, alziamo il baricentro e aumentano le palle recuperate sulla trequarti. In contropiede Giordano è bravo ad attaccare la profondità e fugge sulla sinistra, Mpie rende l'azione avvolgente sull'altro fronte e scarica centralmente per Prelec, conclusione centrale. Insistiamo ed è sempre Prelec a sfiorare la rete, stavolta è Ndaye ad allungarsi rifugiandosi in corner.

Teniamo bene il campo e, dopo il debole colpo di testa di Veips da posizione favorevolissima nello svolgimento di una punizione dalla trequarti, sblocchiamo il risultato. Applausi a scena aperta al 35' con Mpie, autore di un bolide di collo pieno sul secondo palo da posizione defilata. Il n.11 è perfetto nel puntare l'uomo, rientrare al centro e scagliare la sfera nell'angolino opposto.

L'Atalanta pare subire il colpo e si fa rivedere sul fronte offensivo esclusivamente con la punizione di Traore. Tutto pronto per il break, i padroni di casa non ci stanno e tornano in parità con una gran giocata di Kulusevski. Dopo aver finto la conclusione ad incrociare, il centrocampista già convocato in prima squadra da Gasperini fa sedere Farabegoli e insacca sul primo palo.