UTC: "L'esperimento sociale"

Riportiamo il comunicato apparso sul sito ufficiale degli Ultras Tito Cucchiaroni 1969, ultrastito.com
17.02.2020 12:44 di Matteo Rosagni   Vedi letture
Fonte: ultrastito.com
UTC: "L'esperimento sociale"
© foto di Sampdorianews.net

Sabato 23 novembre 2019. Stadio Olimpico di Torino. In programma l'anticipo di Serie A Torino - Inter, gara vinta dai nerazzurri per tre reti a zero. Sugli spalti invece, da qui a poco, il tabellino sarà quello di un bollettino di guerra. A farne le spese saranno i tifosi granata, il gruppo Torino Hooligans per la precisione. La questura del capoluogo piemontese nei giorni successivi ha eseguito 5 provvedimenti di arresto in differita e 75 provvedimenti di Daspo ai danni di altrettanti tifosi del toro.

CHE COSA È SUCCESSO?

Durante il match valevole per la tredicesima giornata del calendario di Serie A sono venute a contatto (leggete bene) in Curva Primavera la tifoseria del Torino e quella dell'Inter. Non stiamo parlando di due gruppi di tifosi non organizzati, bensì di ultras, rivali per di più. Fate bene attenzione a questo particolare, perché servirà a capire meglio ciò che succederà dopo. Premettiamo che i tifosi dell'Inter si trovavano, come già sottolineato prima, in Curva Primavera, casa dei Torino Hooligans da ormai diversi anni, provvisti di regolare biglietto. La domanda viene naturale a questo punto.

PERCHE'?

Ai tifosi interisti, per la gara in questione, è stato riservato non solo il settore ospiti, bensì anche una parte di curva accanto a quest'ultimo, cosa del tutto insolita vista la problematica a livello di ordine pubblico, per di più a breve distanza dai fatti analoghi di Torino - Napoli, partita in cui si registrarono non poche tensioni tra tifosi ospiti e quelli di casa. Dal porsi il perché di questa decisione assurda arriviamo ad una risposta ancor più assurda. Le prime dichiarazioni della Questura di Torino parlano di "esperimento sociale". Con questo esperimento si è voluto creare un ambiente di convivenza tra due tifoserie diverse all'interno dello stesso settore dello stadio. Si signori, avete capito bene. Vista l'enorme gaffe la dichiarazione è stata subito ritrattata, condannando prima eventuali male interpretazioni e specificando dopo che questa convivenza dovesse comprendere naturalmente gruppi non organizzati di tifosi. Un bel modo di lavarsene le mani insomma. Peccato per la Questura di Torino che i tifosi nerazzurri fossero ultras. 

IN CONCLUSIONE 

In quattro e quattro otto il gruppo Torino Hooligans viene smantellato, dovendo cessare la propria attività, avendo praticamente tutti i suoi partecipanti l'impedimento di accedere all'interno di uno stadio. Noi crediamo che questa sia stata una mossa studiata premeditatamente a tavolino, con l'intento di eliminare chi risulta essere "scomodo". Questo è stato si un esperimento sociale. Il loro. E questo signore e signori è quello che domani può succedere ovunque, a chiunque.