90 minuti nei Distinti: "Mescolando lo zucchero..."

Tradizionale appuntamento con la rubrica ironica di Sampdorianews.net dedicata agli originali commenti provenienti dal settore dei Distinti.
28.12.2018 11:12 di Chiara Persico   Vedi letture
90 minuti nei Distinti: "Mescolando lo zucchero..."

“Quando ho visto che si giocava il 26 dicembre ho tirato un sospiro di sollievo, fosse stato il 25 sarebbe stato ancora meglio!”; “Niente parenti, niente regali, niente mangiate!”

A quanto pare ho due Grinch come vicini di seggiolino. Sampdoria-Chievo si gioca il giorno di S. Stefano perché – si sa- Natale con i tuoi, S. Stefano con la Samp e tutto sommato non sono in pochi a presentarsi al Ferraris. Evidentemente la squadra del cuore è un’ottima scusa per defilarsi: io stessa ho lasciato mia sorella all’ennesimo pranzo con la nonna e sono arrivata appena in tempo per cantare Lettera da Amsterdam.

Qualcuno con lo spirito natalizio più marcato ha portato qualche regalino blucerchiato tra cui Solo per te, il nuovo cd nato dall’idea dei fratelli De Scalzi. Intanto scendono in campo i nostri giocatori e in difesa insieme a Sala-Cancelo spunta anche Colley. Presente anche Ekdal dal 1' e Saponara - Caprari per Ramirez e Defrel. 

Nel primo tempo la Samp non brilla e gli uomini di Di Carlo non danno vita facile ai nostri. Si va negli spogliatoi con un nulla di fatto e il tempo nuvoloso e le abbuffate portano allo sbadiglio facile. Cosa c’è di meglio, dunque, di un buon caffè? Mi metto in coda al bar e uno dopo l’altro mi passano davanti tutti, chi chiedendo permesso, chi dicendo che deve andare a sedersi perché ha la gamba molle e chi “Ti prego, ho un bambino…”. In pratica sono l’unica senza fretta, senza figli e in buona salute. 

Quando Quagliarella al terzo della ripresa segna con una magia di tacco io sono ancora lì a mescolare lo zucchero...“Ma porc… cosa mi sono persa?”; “Un grande, Chiara, un genio!”. Un ragazzo si offre di cercare il goal su internet perché “non puoi essertelo perso!”. E mentre guardo il tacco di Quaglia sul cellulare ecco che Murru crossa per Ramirez e insacca alle spalle di Sorrentino per la rete del 2-0. “Ma nooo!!! Mi sono persa anche questo!”

È una congiura, la maledizione di S. Stefano. Per tutto il resto del tempo mi concentro sul campo senza perdere un secondo di partita, ma la cosa più vicino al goal che riesco a vedere è la punizione tirata magistralmente dal solito Quagliarella che colpisce la traversa interna e poi il terreno di gioco senza però entrare in porta. 

Non mi resta che correre a casa per vedere gli highlights in tv mangiando gli avanzi. Buon anno a tutti i blucerchiati!