Thorsby: "Impegno politico iniziato al liceo. Samp ha grande storia, cultura e tifosi"

07.08.2020 15:46 di Moreno Cavanna   Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Thorsby: "Impegno politico iniziato al liceo. Samp ha grande storia, cultura e tifosi"

Nel corso di un'intervista rilasciata al portale ecologista GreenSportsBlog, Morten Thorsby ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito alla propria carriera e al trasferimento in blucerchiato.

Il norvegese si è inoltre soffermato, con particolare interesse, sulla tematica ambientalista: 

"Sono cresciuto vicino a Oslo, facendo molti sport; calcio, naturalmente, e anche tennis, sci e pattinaggio. All'età di 15 anni, mi sono concentrato esclusivamente sul calcio perché è lì che ho visto un futuro professionale. Giocavo ai massimi livelli delle squadre nazionali negli under 16, gli under 21. A 17 anni giocavo con lo Stabàk in un sobborgo di Oslo.

Il club era retrocesso dal massimo campionato norvegese un anno prima del mio arrivo, ma è stato promosso la stagione successiva nel 2014. Allo stesso tempo, Bob Bradley è diventato il nostro manager... E 'stato incredibile che un allenatore della sua caratura sia venuto in un piccolo club come lo Stabàk, ma amava la cultura e la passione del club e dei tifosi. È stato meraviglioso. E credeva in me".

Su posizione e stile di gioco: "Sono un centrocampista che lavora sodo, un grande corridore, di quelli che attacca e segna alcuni gol".

Ancora, sulle precedenti esperienze: "Ho trascorso solo una mezza stagione con coach Bradley, poi mi sono trasferito al S.C. Heerenveen in Eredivisie, la massima lega olandese all'età di 18 anni nell'estate del 2014. Questo è stato un passo naturale e importante per me in una squadra di alto livello in uno dei campionati migliori in Europa. E 'stato fantastico, ho giocato cinque stagioni con il club. La cultura, i tifosi e la storia del club erano tutti al massimo livello.

Poi a fine 2018, a metà stagione, ho firmato con la Sampdoria in Serie A, il massimo campionato italiano. Il club ha anche una grande storia, cultura e tifosi. È sempre stato un mio obiettivo giocare in uno dei migliori 5 campionati d'Europa e così, a 24 anni, questo è stato un passo naturale ed emozionante. È stato difficile, non ho avuto modo di giocare a tutti nelle prime 10 partite. E poi c'è stato il cambio di allenatore".

Su Ranieri: "Diciamo soltanto che ascolti quando parla. Con lui ho iniziato a giocare molto e ho trovato un buon livello di comfort. Eravamo nel bel mezzo della stagione quando la c'è stato lo stop a causa della pandemia nel mese di marzo".

Sull'interesse per la politica: "Il mio impegno politico è iniziato al liceo in Norvegia, andando agli incontri, cercando di trovare la mia strada. Ho finito il liceo in Olanda quando ho iniziato a giocare con l'Heerenveen. Ero solo in una piccola città, quindi ho letto molto nel mio tempo libero, anche sul clima.

Ho letto "Keep It In The Ground", e di come fosse impellente la necessità di trattenere le risorse di combustibili fossili come carbone, gas e petrolio nel terreno se vogliamo avere la possibilità di mantenere l'aumento della temperatura al di sotto della soglia di 1,5 gradi. Sul The Guardian ho letto molte degli scritti del fondatore Bill McKibben.

Il problema era che, man mano che leggevo di più, e capivo di più sull'entità della crisi climatica e sulla sua natura sistemica, diventavo più triste e ansioso. Questi problemi climatici non si risolveranno in cinque minuti. Dovremo rivoluzionare il nostro modo di fare tutto. E poi ho pensato: "Hey amico, com'è che nessuno sta pensando a questo. Cambiare il nostro stile di vita è una cosa troppo grande, è troppo complicato!"

Superare questa fase non è stato facile. Voglio dire, man mano che avanzavo nel calcio il mio tempo libero è diventato minimo. Ho parlato del clima con i compagni di squadra, con il club. Ho provato ad usare i miei social. All'inizio era una sfida, è difficile diventare politici nel mondo del calcio. La maggior parte delle persone, nel mondo del calcio, pensa solo al calcio e poiché il cambiamento climatico è visto come un argomento prettamente politico, mi sono sentito come un lupo solitario tra i giocatori.

Fortunatamente l'Heerenveen era molto attento nell'impegnarsi in iniziative ambientali. ogni giocatore ha una bici tra lo stadio e il campo d'allenamento,  naturalmente è molto presente la cultura del ciclismo nei Paesi Bassi e quella soluzione si è rivelata essere comoda. L'avevo fatto da solo durante le mie prime due stagioni con il club e poi, una volta iniziato il programma, tutti sembravano davvero godere, tranne nei giorni freddi e piovosi, naturalmente. Inoltre, lo sponsor principale per il club era una società solare. Lo stadio ora ha pannelli solari sul tetto, ed uno dei più verdi dell'Eredivisie".

Sull'Italia: "Andare al lavoro in bicicletta non sarebbe del tutto possibile qui. Solamente perché non fa parte della cultura italiana. Per quanto riguarda la politica, l'atteggiamento prevalente è che la politica e il calcio non si mescolano, o meglio, non dovrebbero mescolarsi. Non sono d'accordo con questo sentimento. Naturalmente il calcio e la politica si dovrebbero intrecciare. Sono lieto che diversi calciatori siano stati coinvolti nel dibattito sul razzismo, nel movimento Black Lives Matter, ma ci sono così tante cose di cui non si parla.

Uno è il cambiamento climatico. Un'altra sono le condizioni terribili per i lavoratori provenienti dal Bangladesh, dall'India e altrove per costruire gli stadi della Coppa del Mondo 2022 in Qatar. Tutto ciò che amiamo del calcio, guardando grandi atleti competere oltre i propri limiti, l'incontro tra tutte le etnie è politica nel senso che questo agisce su come vogliamo che il mondo sia. Il calcio è laddove tutti trovano un loro spazio.

Purtroppo questo non rappresenta il mondo per come è ora, ma il calcio dovrebbe mostrare la strada per trasformare il mondo. Credo che come atleti, siamo parte della società come tutti gli altri. Abbiamo le piattaforme e la capacità di raggiungere tante persone in modo diretto. Abbiamo davvero bisogno di usare questi strumenti".

Sulla discussione ambientalista in italia: "Ero stato schietto sul clima prima di arrivare, quindi ho continuato a farlo qui. Sky Sport mi ha intervistato, il che è stato fantastico. Ma naturalmente, questo è il mio primo anno e mezzo, mi sono focalizzato nell'adattarmi alla squadra, imparare l'italiano è stato importante. Una cosa che ho fatto è che non volo più, a parte i miei viaggi legati al calcio. E poi ho cercato di compensare il mio utilizzo di carbonio dal viaggio aereo che faccio per la Sampdoria o la squadra nazionale norvegese".