SAMPDORIA MVP: Skriniar, dalla panchina alle stelle

 di Paolo Paolillo  articolo letto 2245 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
SAMPDORIA MVP: Skriniar, dalla panchina alle stelle

Doveva essere il primo rincalzo, il dodicesimo uomo in caso di necessità se fosse mancato uno dei due centrali di difesa. Complice l'infortunio di Pavlovic prima e il conseguente spostamento di Regini sul lato mancino della difesa poi, Milan Skriniar, ha guadagnato la sua possibilità per essere titolare a fianco di Silvestre

Possibilità che non ha colto subito - ancora si tende a ricordare i suoi errori contro Palermo e Milan -, venendo fuori alla distanza, grazie alla fiducia di Giampaolo, che lo ha sempre difeso. Da novembre in poi, il suo rendimento è sempre cresciuto, l'affiatamento con Silvestre anche e buona parte del merito della striscia positiva di sette risultati utili consecutivi è anche sua.

Oggi, l'esame di maturità se vogliamo, di fronte l'attaccante che ha segnato più gol in una stagione nella storia della Serie A, Gonzalo Higuain. Non c'è stata storia. Nelle due occasioni che ha avuto il Pipita, il centrale slovacco non ha colpe e, addirittura, sulla secondo lo chiude bene costringendolo ad allargarsi e affrettare la conclusione di sinistro. Nel secondo tempo lo annulla completamente, salendo spesso palla al piede a suonar la carica per i suoi. Forza e personalità, Skriniar dalla panchina, adesso, è diventato un titolare inamovibile.