SAMPDORIA MVP: credendoci sempre, qualcosa si può ottenere. Federico Bonazzoli

28.06.2020 22:13 di Diego Anelli   Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
SAMPDORIA MVP: credendoci sempre, qualcosa si può ottenere. Federico Bonazzoli

Il reparto offensivo non ha ricevuto rinforzi a dovere né in estate, né a gennaio, Defrel non è stato rimpiazzato, Rigoni e Maroni sono rimasti meteore, Quagliarella causa infortunio ti viene a mancare nel momento vitale della stagione. In un contesto simile, a prescindere dalle qualità tecniche e dalla carriera dei protagonisti, in chiave salvezza la spunterà chi riuscirà a mettere sul campo un pizzico in più di qualità, maggiore concentrazione e spirito di gruppo, oltre alla capacità di sbagliare il meno possibile e saper stringere i denti in sofferenza.

Serve la bava alla bocca, tutti devono essere pronti a mangiare l'erba e credere su ogni pallone, potenzialmente quello decisivo per ridare ossigeno. In questa squadra i campioni, tecnicamente parlando, sono casi rari, non serve Einstein per saperlo, ma per far sì che questa Sampdoria possa centrare il massimo obiettivo stagionale, occorre gettare il cuore oltre l'ostacolo, con le risorse psicofisiche rimaste. Un esempio? Federico Bonazzoli. Dopo anni e anni in prestito in giro per l'Italia non riuscendo ad imporsi, inaspettatamente ha avuto una chance per mettersi in gioco e sta cercando di sfruttare al meglio ogni minuto a disposizione.

L'ex interista, stasera gettato tardi nella mischia, si è ritrovato in campo nel momento peggiore in assoluto, tra i goal ospiti. Sulla carta una presenza da statistica senza commenti, invece in campo tre palloni giocabili; un colpo di testa con la sfera sopra la traversa, una conclusione di prima intenzione in spaccata su lancio di Vieira e il goal che ha riacceso il finale. È vero, su un errore in uscita di Skorupski, ma si è fatto trovare al posto giusto nel momento giusto, perchè se ci si crede sempre, qualcosa si può ottenere.

Mercoledì a Lecce e domenica con la Spal, ci giochiamo sportivamente la vita, servono punti, tanti punti per restare a lottare fino alla fine. I discorsi stanno a zero, contano soltanto i fatti, ora più che mai.