SAMPDORIA MVP - Colley faro della retroguardia, anche da portiere volante

20.02.2021 17:58 di Moreno Cavanna   Vedi letture
SAMPDORIA MVP - Colley faro della retroguardia, anche da portiere volante
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Dopo un mercato estivo che sembrava doverlo portare lontano da Genova, Omar Colley ha approcciato la nuova stagione con non poche difficoltà. Più di una volta, in avvio di campionato, il centrale gambiano è apparso deconcentrato e fuori dagli schemi della retroguardia blucerchiata, costringendo mister Ranieri a farlo rifiatare per consentirgli di recuperare la migliore condizione psico-fisica.

Nelle ultime partite, invece, Colley ha messo in mostra un autentico cambio di passo, rendendosi protagonista di prestazioni autoritarie e convincenti, anche grazie all’ottima intesa col compagno di reparto Maya Yoshida. 

Contro la Lazio il centrale gambiano è apparso a suo agio nella difesa a tre schierata da mister Ranieri, dal momento che questo schieramento sembra esaltare tutte le sue qualità: fisico, tempismo ed abilità tecnica, che sono elementi necessari per permetterti di giocare sulla trequarti campo, lasciandoti tanto campo da difendere alle spalle. 

Nel primo tempo della sfida contro la Lazio, il centro sinistra è apparso da subito l’area presidiata con maggiore efficacia, con la coppia Colley - Augello brava ad arginare le sortite di Marusic sull’out di destra laziale. Non è un caso, infatti, che i principali pericoli per la porta di audero siano giunti dalla zona presidiata maggiormente da Ferrari e Yoshida, non altrettanto efficaci in questo schema tattico. 

Colley, col passare dei minuti, è apparso anche l’unico difensore blucerchiato in grado di proporsi con continuità nella metà campo avversaria, coadiuvando la spinta offensiva dei compagni non solo in occasione di calci d’angolo e punizioni offensive, ma anche col fraseggio dal basso. 

Senso della posizione, fisicità ed un pizzico di incoscienza, decisive (ancora una volta), anche in fase difensiva. In pieno recupero, infatti, è Colley a salvare ad un passo dalla porta di Audero, l’assist di MIlinkovic-Savic per Muriqi, tenendo vive le speranze blucerchiate per gli assalti finali.

Prestazione autoritaria per il difensore classe '92, che con questo livello di rendimento rappresenta una assoluta certezza per la difesa doriana.