SAMPDORIA GONFIA LA RETE – Capitan Quagliarella, il primo vendicatore

L'analisi settimanale dell'attacco blucerchiato
05.03.2019 09:14 di Serena Timossi Twitter:   articolo letto 1176 volte
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
SAMPDORIA GONFIA LA RETE – Capitan Quagliarella, il primo vendicatore

La Spal era l’unica squadra in Serie A a non avere ancora subito goal nel primo quarto d’ora di gioco. Non aveva però fatto i conti con un Fabio Quagliarella in stato di grazia, che a Ferrara nasconde sotto la casacca blucerchiata una tenuta da supereroe degna del più inarrestabile degli Avengers: trasforma in goal assist e cross dei compagni, calcia da qualsiasi posizione e fa capire, sin dai primi giri d’orologio, che si tratta di una giornata particolarmente ispirata. Insomma, dai superpoteri di Capitan America a quelli di Capitan Quagliarella, il passo è breve.

Il numero 27 regala alla Samp una vittoria importantissima, frutto delle sue prodezze e di un lavoro di squadra perfettamente riuscito, in cui intensità, pressing alto, collaborazione tra i reparti, fraseggio e atteggiamento vincente hanno dato vita ad uno dei migliori primi tempi disputati in questa stagione. La manovra offensiva, in particolare, nella prima frazione di gioco è stata ariosa e caratterizzata dalla partecipazione attiva dei centrocampisti, con Linetty e Praet pronti ad inserirsi e crossare, fornendo la giusta spalla che occorreva agli attaccanti per potersi esprimere al meglio.

La prima rete di Quagliarella è da cineteca, un gesto atletico in sforbiciata che batte Viviano dopo appena 4 minuti. Poco dopo, arriva l’incornata del 2-0 con perfetta scelta di tempo e indirizzata laddove l’estremo difensore spallino non può intervenire. Il settore ospiti blucerchiato rischia addirittura di esplodere al 24', quando l’attaccante partenopeo regala una delle sue prodezze balistiche: un sinistro dalla trequarti che battezza il palo. Quagliarella è incontenibile e la Samp dà l’impressione di poter arrotondare l’attivo, ma non riesce ad andare oltre il doppio vantaggio e questo le causerà qualche sofferenza nella ripresa, soprattutto nella gestione finale.

Quagliarella aggancia Cristiano Ronaldo a quota 19 e polverizza nuovi record arrivando a quota 20 doppiette in A, portandosi a -1 da Sivori nella classifica all time della massima serie e diventando inoltre il terzo giocatore ad avere segnato almeno 19 reti in un solo campionato dopo avere compiuto 36 anni (record condiviso con Toni e Piola).

Gabbiadini ha dimostrato un’intesa crescente con il compagno di reparto, conquistando inoltre falli preziosi nel corso del match. Ancora da perfezionare il feeling con Defrel, con il quale ha interagito nella ripresa, non riuscendo però nell'intento di finalizzare le azioni in contropiede. L'attacco blucerchiato è inevitabilmente Quaglia-centrico, ma ci sarà bisogno di tutto il supporto possibile nello scontro diretto con l'Atalanta di domenica prossima. Del resto, avere un supereroe in squadra fa comodo, ma per spuntarla con il gruppo di Gasperini meglio poter contare su un'intera squadra di Avengers.