Ranieri: "Calata aggressività mentale. Vedo alti e bassi"

28.02.2021 16:29 di Maurizio Marchisio   Vedi letture
Ranieri: "Calata aggressività mentale. Vedo alti e bassi"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Claudio Ranieri, intervistato dalla telecamera ufficiale di Sampdoria.it, ha espresso rammarico per le potenzialità che alcuni giocatori non riescono ad esprimere in partita, a differenza degli allenamenti.

"Analizzando la partita devo dire che la Sampdoria ha iniziato bene, con il piede giusto, pressando e mettendo in difficoltà l'Atalanta. Poi abbiamo avuto cinque o sei minuti in cui non siamo riusciti a pressare come facevamo prima e loro hanno fatto una gran giocata, complimenti ai campioni che hanno. Nel secondo tempo abbiamo riprovato a giocare, è stata una partita aperta e poi ci sono stati i due goal, uno è stato annullato fortunatamente. L'Atalanta ha meritato la vittoria.

Potevamo fare qualcosa in più, peccato perchè la partita era bella gagliarda però poi loro hanno incominciato ad aumentare il ritmo e l'aggressività mentale. Noi fino a quando abbiamo avuto aggresività mentale abbiamo combattuto colpo su colpo mettendoli in difficoltà e andando vicini al goal. Quando è scesa la corsa senza palla, l'aiuto reciproco, come è calata l'aggressività mentale su alcuni giocatori l'Atalanta ha debordato.

Avendo fra tre giorni il derby ho voluto far recuperare determinati giocatori per poi magari metterli nella seconda parte di gara per cercare di dare quel tasso qualitativo in più, ma purtroppo non è andata come speravo, questo fa parte del gioco del calcio. Adesso pensiamo al Derby, è una partita importantissima.

Io non sono mai contento del campionato e delle partite giocate quando si vince, figuriamoci quando si perde. Io voglio sempre il massimo dai miei giocatori. Riescono a darmelo tutti quanti durante gli allenamenti, durante le partite vedo alti e bassi, chi risponde sempre al 100% chi invece pur dando 200% durante allenamenti poi la domenica non riesce a darmi neppure il 50% delle proprie potanzialità. Questo mi spiace molto, io voglio sempre il massimo dalla squadra".