Jankto: "Uscito di casa a 18 anni. Ho dovuto iniziare da solo"

23.09.2020 14:17 di Matteo Romano   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Jankto: "Uscito di casa a 18 anni. Ho dovuto iniziare da solo"

Jakub Jankto guarda a un futuro professionale oltre il calcio. Il centrocampista ceco della Sampdoria ha realizzato un podcast per il sito Czechcrunch, dove ha raccontato alcuni suoi progetti per l’avvenire.

Il calciatore classe ’96 ha raccontato la sua visione per la gestione del suo patrimonio, manifestando saggezza e oculatezza:

“Sono uscito di casa all'età di 18 anni e ho dovuto iniziare a occuparmi di tutto da solo – le parole tradotte da Sampdorianews.net – Sono sempre stato parsimonioso, e quando è arrivato il mio primo contratto in Italia, ho pensato che non potevo nemmeno spendere così tanti soldi. Ho comprato i miei primi appartamenti e ho subito pensato ad altri progetti”.

Jankto racconta di un altro suo progetto, che ha curiosamente il nome “Sampi” e che risponde alla Accademia per EGamers che il centrocampista ha ideato a Praga.

Al riguardo degli sport elettronici Jankto ha dichiarato:

"Se io, come calciatore, mi allenassi otto ore al giorno, mi infortunerei entro tre giorni. D'altra parte, i giocatori di giochi per computer devono allenarsi otto ore al giorno, perché se non lo fanno, non andranno da nessuna parte".