Bereszyński: "Mi piace l'apertura degli italiani. Giampaolo un bravo insegnante, Quagliarella un leader molto silenzioso"

09.03.2019 14:19 di Maurizio Marchisio  articolo letto 3247 volte
Bereszyński: "Mi piace l'apertura degli italiani. Giampaolo un bravo insegnante, Quagliarella un leader molto silenzioso"

Bartosz Bereszyński è stato intervistato a Bogliasco da Sport.onet.pl. Il difensore polacco ha parlato ruota libera di Genova e dell'Italia, di cui conosce anche la storia, della Sampdoria e del proprio futuro.

"Mi piacerebbe giocare nel campionato inglese? Il punto è che l'Inghilterra è collegata con Genova attraverso la bandiera. - Le parole tradotte da Sampdorianews.net - So che ai vecchi tempi, quando la città era un centro marittimo molto potente, l'Inghilterra ha assunto la bandiera di Genova perché grazie a questa la sua flotta era più sicura. Conosco un po' la storia. Da Genova partì anche Giuseppe Garibaldi per la spedizione che unì l'Italia nell'ottocento. Ho visitato la Liguria, Milano in Lombardia e Firenze in Toscana, mi piace identificarmi con il luogo in cui vivo."

Ti piacciono il centro storico e il porto? "È molto bello, anche se il porto in sé non è molto affascinante. Vecchio e con molti trasporti. Le sue dimensioni rendono la dimensione delle navi che la influenzano: dalla Tunisia a Panama. Ma piacevoli e meritevoli di una visita sono le città più piccole della costa, come Bogliasco, e anche più a est verso Portofino.

Luogo preferito? Il posto in cui vivo, o il distretto di Albaro. Bel clima, gli edifici sono ben curati. Quando le persone ti beccano per strada puoi sentire che hanno sempre una lezione, e mi piace.

Mi piace l'apertura degli italiani. Il loro modo di essere, il loro modo di vivere mi sta bene. È fantastico che tu possa andare in città e incontrare anche persone più anziane sedute in gruppi sulle panchine. Apparentemente non fanno nulla, si parlano soltanto, ma puoi vedere che si godono la vita, il momento. Sembrano felici, ci sono molti posti con caffè ad un euro, nel quale si entra, si beve caffè espresso e si esce. Un rituale che sembra così piccolo.

Inoltre quando passeggio molte persone sono affascinati da mio figlio perché è biondo. Quando Maja va a fare una passeggiata con lui, dicono: "Che bello!", questo è molto piacevole. E questo dice tutto. Penso che l'apertura e la cordialità degli italiani siano una bella caratteristica."

Avete vinto con Juventus, Napoli, Milan, Inter e Roma. Bel bilancio per due anni in Serie A. "Non ho ancora vinto a Torino, questo non mi soddisfa. Contro la Juve ho giocato e abbiamo vinto ma a Genova. - Le parole tradotte da Sampdorianews.net - Queste sono belle statistiche. È bello uscire da San Siro o dallo Stadio Olimpico come vincitore, e la Sampdoria è famosa per il fatto di poter superare queste grandi e anzi spesso ha problemi con quelle più piccole.

Cosa mi ricordo di queste partite? Ivan Perisic dell'Inter perchè era molto difficile prendersene cura, dovevi essere concentrato tutto il tempo. Anche Stephan El Shaarawy è pericoloso. E Alejandro "Papu" Gomez quando è in forma è il centrocampista offensivo più in pericoloso in Serie A.

Il trasferimento di Cristiano Ronaldo ha catturato l'interesse e allo stesso tempo costretto altri a investire di più nei giocatori, perché l'Inter, il Milan, il Napoli e la Roma vogliono inseguire la Juventus.

Non siamo un club che ferma i giocatori. Non è un segreto, la politica di trasferimento è chiara: comprare per pochi milioni di euro, vendere per una decina di dozzine. Ci sono molti esempi: Milan Škriniar, Luis Muriel, Patrik Schick, Lucas Torreira. Quasi ogni anno partono due o tre calciatori. È difficile costruire una squadra per le coppe europee, fortunatamente l'allenatore Marco Giampaolo è un così bravo insegnante che i nuovi riescono rapidamente ad inserirsi in serie A. Anche la scorsa stagione eravamo ad un passo dalle coppe.

Lavoriamo molto e lavoriamo sodo, passiamo molto tempo in tattiche e analisi video. Quando sono arrivato alla Sampdoria, per un mese o due ho avuto incontri individuali con il secondo allenatore. Mi ha spiegato come muoversi, come comportarmi. Era necessario portare la mia automazione in campo il prima possibile, perché non avevo tempo come Škriniar o Joachim Andersen. Non si sono esibiti, dopo il trasferimento, per la prima metà dell'anno. Solo dal turno successivo sono stati pronti per la composizione di base. Dovevo giocare subito, quindi è stato un po' diverso.

Con l’Inter c'era un argomento specifico e conversazioni avanzate. Sono molti i fattori che devono essere presi in considerazione nel trasferimento, molte persone devono essere d'accordo. In questo caso, non è andato a buon fine. Io mi alleno ancora duramente per fare un altro passo. Poi ci sarà un'altra offerta e questa volta il trasferimento magari giungerà a buon fine. Non l'ho mai nascosto, è il mio obiettivo. Però per fare in modo che sia così, devo fare bene alla Sampdoria, quindi non mi preoccupo di negoziare con l'Inter.

Cosa può fare la Sampdoria? È difficile da dire. Abbiamo sicuramente bisogno di vittorie contro le squadre più deboli. Non può che essere così: nello scontro con Frosinone il possesso della palla era dell'80% per noi, ma i rivali hanno guadagnato tre punti.

Quagliarella? Non è particolarmente aperto, ha avuto i suoi problemi di vita legati al poliziotto persecutore. Non parla molto, ma ognuno di noi conta sul suo aiuto. Puoi dire che è un leader molto silenzioso. Questa stagione è la più prolifica della sua carriera, ci ha ripetutamente dato una spinta ad un atteggiamento migliore quando non abbiamo giocato bene."