ESCLUSIVA SN - Una notte da 10, Doni: "Francesco un cuore grande. Gaslini riconosciuto ovunque. I miei ricordi della Samp..."

30.05.2019 09:16 di Diego Anelli   Vedi letture
© foto di Alberto Mariani
ESCLUSIVA SN - Una notte da 10, Doni: "Francesco un cuore grande. Gaslini riconosciuto ovunque. I miei ricordi della Samp..."

È ormai scattato il countdown verso uno degli eventi più attesi dall'intera tifoseria blucerchiata, Una notte da 10, in programma venerdì 31 maggio alla Sciorba. Saranno numerosi gli ex giocatori blucerchiati che parteciperanno alla partita d'addio al calcio di Francesco Flachi davanti alla sua gente. Sampdorianews.net, uno dei partner ufficiali dell'evento, ha il piacere di intervistare in esclusiva Cristiano Doni, con il quale abbiamo approfondito i valori, i sentimenti e le finalità di una serata che si preannuncia indimenticabile per ognuno di noi:

Cristiano, domani sera ci sarà una gran bella rimpatriata. "Mi fa davvero piacere esserci, ho sentito Francesco e ho subito capito quanto ci tenesse avermi tra i partecipanti. Sarà emozionante rivedere Francesco, l'ambiente blucerchiato, tanti miei ex compagni. Sono passati un po' di anni, in qualche caso faticheremo a riconoscerci, dovremo girare con il cartello come si fa all'aeroporto (ride, ndr)".

Quella squadra ha costruito un qualcosa di straordinario, dentro e fuori dal campo. "Era davvero un bel gruppo, nel quale mi sono trovato molto bene, lo credo davvero. Abbiamo ottenuto grandi risultati che, oltre a poter contare su buoni giocatori, sono possibili quando si ha un gruppo molto unito e coeso, nonostante fossimo partiti per salvarci, senza grosse ambizioni".

Eri stato il grande colpo del nostro mercato estivo, purtroppo i problemi fisici non ti hanno lasciato tregua. "Ho ricordi molto positivi del mondo Sampdoria, avrei voluto lasciare il segno, ci tenevo molto, purtroppo c'è stato il serio infortunio e la successiva ricaduta a complicare tutto, è stato frustante non aver la possibilità di fare quello che avrei voluto. Talvolta ho giocato mezzo zoppo, mi trovavo bene con i ragazzi, avevo ritrovato Rossini e c'era un gran bel rapporto con la coppia Flachi - Bazzani".

Francesco era una garanzia in campo, imprescindibile figura carismatica nello spogliatoio. Il vostro rapporto. "Francesco è sempre stato un guascone, un ragazzo scherzoso, sorridente, buono, molto generoso, istintivo, dal cuore grande. Con lui sono subito andato d'accordo, quando sono arrivato non stava vivendo un momento esaltante, era stato messo in una posizione un po' defilata. È stato bravo a credere sempre sul fatto di ritornare presto protagonista e così è stato. Scherzando gli ho detto come mai che fa la serata d'addio adesso quando ha smesso prima di me...".

L'incasso interamente devoluto all'Ospedale Gaslini merita la copertina. "Sarà una bella serata di festa, l'occasione per festeggiare Francesco, potremo godere e far godere grandi momenti a tutti coloro che verranno all'evento, nonostante le nostre età e gli acciacchi di qualcuno... (ride, ndr). Sono davvero orgoglioso di poter partecipare ad una serata con uno scopo così lodevole, Francesco non poteva pensare ad un'organizzazione migliore. Il Gaslini è riconosciuto ovunque per impegno e professionalità, sono padre di due bambini, sento la tematica molto vicina. Conosco bene la loro attività, Genova è un ambiente familiare avendo lì ancora diversi parenti, mia mamma è mancata tre anni fa e viveva a Pieve. Vi aspetto numerosi!".

RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE CONSENTITA PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE SAMPDORIANEWS.NET