Linetty combatte fino alla fine, solo due lampi per Schick. Torreira e Barreto in debito d'ossigeno

 di Diego Anelli  articolo letto 4657 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Linetty combatte fino alla fine, solo due lampi per Schick. Torreira e Barreto in debito d'ossigeno

Puggioni 6: interventi d'ordinaria amministrazione nella prima parte di gara, quattro goal subiti senza significative responsabilità, tra involontari assist dei compagni e perle di tecnica autentica degli avversari.

Bereszynski 5: Insigne è un campione come pochi per tecnica e dinamismo, ma troppo spesso si fa trovare fuori posizione, o addirittura avanzato come in occasione del raddoppio. Riceve scarso supporto dai compagni in termini di raddoppi di marcatura.

Silvestre 6: Mertens rientra gli avversari più ostici da marcare, con esperienza limita il più possibile il suo raggio d'azione. Il goal che sblocca la gara arriva da un errato intervento di Regini.

Skriniar 6,5: tra i pochi a salvarsi. Sbroglia un paio di situazioni potenzialmente pericolose giocando con intelligenti interventi in anticipo. Nella ripresa evita un passivo ancora più pesante salvando sulla linea un goal già fatto.

Regini 5: ha responsabilità sul vantaggio partenopeo, il suo intervento scoordinato regala un involontario assist al bacio sui piedi di Mertens. In ritardo anche in occasione del poker.

Torreira 5: fin dalle prime battute si intuisce che non sarà un pomeriggio brillante. Troppi i palloni persi in fase d'impostazione. Solita grinta, ma molta meno precisione rispetto al solito. (Palombo n.g.).

Barreto 5: ad inizio gara si ritrova tra i piedi un'occasionissima per portare i suoi in vantaggio, ma svirgola da posizione favorevole. Scarso il supporto in copertura a sostegno di Bereszynski.

(Alvarez 6,5: pochi minuti a disposizione, ma trova la via della rete alla prima occasione. Buon spirito d'iniziativa).

Linetty 6,5: non molla un centimetro. Lotta nel cuore del centrocampo, mette toppe finchè può. Prova anche la conclusione da fuori, senza trovare lo specchio della porta.

Fernandes 5,5: attivo e propositivo nella prima mezz'ora, senza però risultare decisivo né al momento della conclusione, né nelle vesti di assist - man.

(Praet 5: non riesce a lasciare tracce in una gara già compromessa).

Quagliarella 5,5: pochissimi palloni giocabili. Da bomber d'area di rigore mette lo zampino nella prima occasione capitata dalle sue parti.

Schick 5,5: una bella serpentina sul fondo a favore di Barreto ad inizio gara e l'assist per Alvarez sono gli unici due momenti da ricordare in una partita nella quale non è riuscito ad incidere. Koulibaly ha facile gioco, da un suo recupero si innesca l'azione del tris partenopeo.

All. Giampaolo 6: oggi questa Sampdoria non poteva fare di più, in considerazione delle attuali condizioni della squadra oltre allo strapotere tecnico dell'avversario. Una giornata simile ha comunque dimostrato, come se ce ne fosse ancora bisogno, quali dovranno essere le priorità per il prossimo campionato: rinforzi di qualità nei ruoli di esterni bassi. Per almeno 20' i blucerchiati hanno provato a mantenere ritmi elevati e a soffocare sul nascere la manovra partenopea. Appena è calata l'intensità non c'è più stata partita. Merito dei ragazzi non aver mai mollato, rendendo meno pesante il passivo. Resta un finale di stagione al di sotto delle attese, mancano i cinque punti gettati al vento con Crotone e Chievo.