Caro Francesco, grazie di esistere

26.08.2011 00:18 di Diego Anelli   Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Caro Francesco, grazie di esistere

Non abbiamo mai avuto dubbi, almeno noi veri Sampdoriani, che Francesco Flachi e la Sampdoria rappresentassero per sempre una cosa unica, inseparabile, al di là dei km di distanza, delle squalifiche e dal passare del tempo.

Quando la Sampdoria era in difficoltà, Francesco c'è sempre stato e da protagonista l'ha aiutata a tornare grande a suon di goal indimenticabili, giocate di classe cristallina e un indescrivibile attaccamento alla maglia.

Da un po' di tempo, già troppo, Francesco non indossa più la nostra casacca, ma soltanto in campo, perchè il suo cuore sarà sempre tinto di blucerchiato. La Sampdoria è precipitata nuovamente nell'inferno della B, dove tra il 1999 e il 2003 fu il principale protagonista della salvezza, della rinascita e della promozione, e lui è ancora con noi.

Direttamente da Firenze il nostro numero 10 è venuto in macchina per seguire la sua amata, la nostra amata Sampdoria, ricevendo cori e standing-ovation dentro e fuori lo stadio Ferraris e seguendo la partita nel settore che sente proprio, ovvero la Gradinata Sud. Il tempo di salutarlo e ringraziarlo personalmente, l'appuntamento al prossimo incontro e alla sua nuova visita su Sampdorianews.net.

Non smetteremo mai di dirti GRAZIE DI ESISTERE