Rolando protagonista e goleador, Eramo generoso, Falcone regala la vittoria al Savona

"A farsi le ossa" è la rubrica settimanale che vi tiene aggiornati sulle prestazioni dei giovani blucerchiati in prestito nelle serie minori.
 di Lidia Vivaldi  articolo letto 1808 volte
© foto di Emanuele Taccardi/TuttoMatera.com
Rolando protagonista e goleador, Eramo generoso, Falcone regala la vittoria al Savona

Tornano dopo la pausa invernale i campionati di Serie B, Lega Pro e Serie D in cui militano i giovani blucerchiati in prestito. Riprende da dove aveva lasciato il Brescia di Boscaglia, che si impone per 2-1 sulla diretta concorrente Cesena proseguendo così la striscia di otto risultati utili consecutivi. Al Rigamonti sono i romagnoli a passare inizialmente in vantaggio con Djuric, ma l'espulsione di Molina per fallo di reazione a fine primo tempo spiana la strada alla rimonta delle rondinelle, firmata da Antonio e Andrea Caracciolo. Prestazione non memorabile per il doriano Alessandro Martinelli, che si distingue più per la fase di interdizione che per la costruzione di gioco a centrocampo. 

Sfida invece il proprio recente passato Mirko Eramo, ospite con il suo Trapani al Liberati di Terni. Per il mediano scuola Samp un grosso rammarico nella prima frazione, quando spreca calciando alto una pregevole azione personale, ma nel bilancio complessivo la sua prova è positiva. La squadra di Cosmi gestisce bene la gara e capitola soltanto nel finale, quando un colpo di testa di Gondo sugli sviluppi di un calcio piazzato punisce la distrazione difensiva della difesa granata. 

Nel girone C di Lega Pro è sempre più protagonista Gabriele Rolando, che sfrutta il buon momento del Matera e la sua scalata alle zone alte della classifica per mettere in mostra le sue qualità offensive. Dopo il buon esito della trasferta di Monopoli, dove i lucani si impongono per 2-0, la successiva gara esterna contro l'Akragas vede brillare proprio l'esterno destro ex Como: all'Esseneto di Agrigento è Rolando a propiziare il primo gol servendo a Letizia un ottimo pallone che l'attaccante manda sulla traversa prima del tap-in decisivo di Infantino. Nel finale di primo tempo mette a segno la rete personale impadronendosi di uno spiovente in area e beffando difensore e portiere con un tocco di misura, e nella ripresa serve l'assist per il definitivo 4-1 dello stesso Letizia. 

È invece di una vittoria e una sconfitta il bilancio delle prime due partite del 2016 per il Pro Piacenza, che dopo il successo casalingo sul Lumezzane viene superato al Bottecchia da un sorprendente Pordenone. Nell'incontro del Garilli, vivace fino ai minuti finali, decide di testa il solito Rantier su cross di Alessandro, mentre a Fumagalli spetta il compito di disinnescare le molte occasioni degli ospiti, tra cui un gran colpo di testa di Terracino. In difesa il blucerchiato Luca Piana garantisce un'attenta copertura, ripetendosi anche sette giorni più tardi in terra friulana, dove fornisce una buona prova nonostante l'inferiorità numerica per l'espulsione di Carrus a metà primo tempo. 

Tutto facile per la corazzata Cittadella sul campo del Cuneo: i veneti si portano in vantaggio al 43' con Iori su un rigore dubbio, assegnato per un tocco di mano fortuito di Rinaldi, e nella ripresa possono raddoppiare agevolmente con Schenotti. Opportunità dal primo minuto per l'ex Primavera Andrea Corsini, il quale tuttavia non trova l'occasione per provare a pungere l'esperta difesa ospite.

Con l'anno nuovo torna alla vittoria il Savona, che mette fine a una serie nera di sei sconfitte su sette gare grazie all'1-0 sul Prato. Al Bacigalupo va in scena un incontro combattuto: i toscani impegnano la difesa ligure soprattutto nel primo tempo, mentre i padroni di casa passano in vantaggio su rigore finalmente trasformato da Virdis, recidivo negli errori dal dischetto. Nel finale convulso una raffica di espulsioni lascia il Savona in nove, ed un rigore a favore dei toscani rischia di far sfumare ancora una volta i tre punti, ma il portiere blucerchiato Wladimio Falcone sale in cattedra e devia di piede il tiro di Capello blindando la vittoria. 

Infine, una manciata di minuti per De Vitis nel pareggio della Spal a Lucca, e una presenza da titolare per Cataldo nella vittoria del Ligorna sull'OltrepoVoghera.