Hromada ancora in gol, De Vitis in evidenza nella corazzata Spal, assist fortunato per Placido

"A farsi le ossa" è la rubrica settimanale che vi tiene aggiornati sulle prestazioni dei giovani blucerchiati in prestito nelle serie minori.
 di Lidia Vivaldi  articolo letto 1806 volte
© foto di Federico De Luca
Hromada ancora in gol, De Vitis in evidenza nella corazzata Spal, assist fortunato per Placido

Turno in chiaroscuro per i giovani blucerchiati in prestito nelle serie minori e all'estero, a partire dalla batosta interna del Livorno contro lo Spezia, autentica bestia nera sul terreno dei Picchi per i toscani. Gli aquilotti si portano in vantaggio nel finale di primo tempo grazie ad un tocco di misura di Situm imbeccato da Migliore, a cui risponde Pasquato a metà ripresa, pochi minuti prima del definitivo raddoppio spezzino con Calaiò. Tra le fila del Livorno pesa la giornata no di Francesco Fedato, protagonista delle vittorie nei primi quattro turni, ma troppo timido ed avulso dal gioco contro l'attenta difesa ligure.

Sabato negativo anche per Lucas Torreira, tornato titolare nella sfida contro il Vicenza, ma autore di due falli da rigore che macchiano la sua prestazione. Tra i pali si distingue l'ex blucerchiato Fiorillo, abile a neutralizzare il primo penalty di Giacomelli ed un tiro a botta sicura di Vita, prima di subire ad inizio ripresa il vantaggio di Raicevic. La rimonta abruzzese porta la firma di Lapadula e Memushaj, ma nell'incandescente finale, che vede un espulso per parte, tra cui Laverone per fallo su Torreira, è l'intervento scomposto dello stesso fantasista uruguaiano su Pinato a consegnare ai veneti, con la trasformazione di Gatto, il pareggio a tempo ormai scaduto.

Il riscatto, per Torreira e per la squadra di Oddo, arriva sette giorni dopo sul terreno dell'Adriatico, dove il Pescara supera per 1-0 la corazzata Cagliari grazie alla rete del solito Lapadula. Decisamente migliore la prova del blucerchiato, che offre tanta corsa e buone giocate a centrocampo, e prova ad infilare Storari con due conclusioni personali, la seconda delle quali chiama in causa gli ottimi riflessi del portiere ex Samp, costretto a deviare di piede.

Non soddisfa del tutto gli uomini di Boscaglia il pareggio interno colto contro il Modena di Crespo, che guadagna così il primo punto stagionale in trasferta. Al Rigamonti un intenso primo tempo vede i padroni di casa aggredire subito gli spazi, e guadagnarsi un rigore grazie al doriano Alessandro Martinelli, atterrato in area da Marzorati. Morosini dal dischetto si lascia ipnotizzare da Provedel, ma nel giro di pochi minuti arriva il vantaggio lombardo su autogol propiziato da Embalo, a cui risponde poco dopo Stanco, ed ancora, sul finire della prima frazione, si concretizza il nuovo sorpasso del Brescia grazie ad un penalty trasformato da Geijo. Chiude le marcature sul 2-2 il bel gol di testa di Stanco. Oltre al rigore guadagnato, la prestazione di Martinelli risulta utile sia in fase di impostazione che di interdizione, soprattutto nel secondo tempo, quando il pressing degli emiliani si fa più intenso.

Nel girone B di Lega Pro continua il cammino trionfale della Spal, ancora in testa a punteggio pieno dopo le vittorie con Pontedera e L'Aquila. Al Mannucci decide una doppietta di Finotto, ma sugli scudi va anche il blucerchiato Alessandro De Vitis, il cui apporto a centrocampo è fondamentale, e a cui per due volte Cardelli nega il gol. Nella vittoria del Mazza, propiziata nuovamente da Finotto, autore del gol del definitivo 2-1, il centrocampista ex Parma è autore di una prova generosa e si rende protagonista del salvataggio su Sandomenico in contropiede, quando il punteggio è ancora sull'1-1.

Preziosa vittoria esterna per la Pistoiese di Mattia Placido, corsara ad Aprilia sul campo della Lupa Roma, ancora ferma a quota 1. Per lunghi tratti sono i toscani a fare la partita, e oltre alle reti di Damonte e Sinigaglia, si registra l'ottima parata di Iannarilli sul rigore calciato da D'Agostino. Nel finale i padroni di casa accorciano con Tulli, ma senza mai impensierire la squadra di Alvini. Tra gli arancioni ritrova una maglia da titolare il blucerchiato Placido, che ripaga la fiducia mostrandosi sempre attento sulla propria fascia di competenza, e trasformando, con un po' di fortuna, una rimessa laterale nell'assist per il raddoppio di Sinigaglia.

Prima vittoria stagionale per il Pro Piacenza, che torna vittorioso dalla trasferta contro la Giana Erminio, sfida tra due "cenerentole" che arrivano dal mondo dei dilettanti. La gara del Comunale di Gorgonzola si accende nel finale di primo tempo, con due legni colpiti dai padroni di casa, ma sono gli ospiti emiliani a trovare il doppio vantaggio nella ripresa, concretizzando la maggiore padronanza di gioco grazie a Rantier e Ruffini. Si conferma titolare tra i rossoneri il difensore Luca Piana, impiegato da Viali anche nel pareggio esterno con il Cittadella. In entrambe le gare l'ex Primavera garantisce buona copertura, anche di fronte ad attaccanti di esperienza come il biancoazzurro Bruno.

Nel girone C il pareggio tra la seconda forza Casertana e il Matera rappresenta un punto d'oro per gli ospiti, ancora bloccati nelle zone calde della classifica a causa della penalizzazione e di una partenza incerta in campionato, e messi in difficoltà dall'epulsione di Zanchi nel primo tempo. E' proprio l'inferiorità numerica ad indurre mister Dionigi a mandare in campo il blucerchiato Gabriele Rolando, autore di una prova ordinata. Ai campani non basta il penalty concesso a metà del secondo tempo, e sventato da un grande intervento di Bifulco: la sfida si chiude a reti inviolate.

Tra i giovani in prestito all'estero, Jakub Hromada si mette nuovamente in evidenza aprendo le marcature nella sfida casalinga dell'F.K. Senica contro il Dunajská Streda, partendo sul filo del fuorigioco ed infilando il portiere avversario con un rasoterra sul secondo palo. Il doriano partecipa anche alla seconda rete, accompagnando il contropiede di Kalabiska. Tuttavia, nonostante la superiorità numerica per l'espulsione di Szarka nel secondo tempo, i padroni di casa non riescono a contenere gli affondi ospiti, e nel finale subiscono lo spettacolare 3-2 di Brasen.

Infine, una manciata di minuti per Mirko Eramo nel finale di Trapani-Entella, e due presenze da titolare per Gianluca Sampietro nelle sconfitte della Pro Patria contro Albinoleffe e Pordenone, sfociate nell'esonero di mister Oliva. Presenze anche per Simone Cataldo nella debacle del Ligorna a Pinerolo, e per Matteo Caracciolo, in campo con la Bustese Roncalli nella sconfitta con la Virtus Bergamo, e nell'1-0 casalingo contro il Lecco, prima storica vittoria in Serie D. Sconfitta dal sapore dolce, invece, per Andrea Corsini, che colleziona il primo gettone da professionista scendendo in campo nel finale di Bassano-Cuneo, terminata 2-0.