Corazza doppietta e record, Martinelli ordinato, Fedato propizia la vittoria del Modena

"A farsi le ossa" è la rubrica settimanale che vi tiene aggiornati sulle prestazioni dei giovani blucerchiati in prestito o comproprietà nelle serie minori.
 di Lidia Vivaldi  articolo letto 3402 volte
© foto di Marcello Demelia/TuttoLegaPro.com
Corazza doppietta e record, Martinelli ordinato, Fedato propizia la vittoria del Modena

Bilancio nel complesso positivo per i giovani blucerchiati in prestito o comproprietà lontano da Genova, impegnati nei campionati di Serie A, Serie B e Lega Pro.

La cura Pavan sembra aver giovato al Modena, che al Braglia coglie la seconda vittoria consecutiva superando per 1-0 l’ambizioso Frosinone. C’è lo zampino di Francesco Fedato nella rete del vantaggio canarino: l’attaccante doriano, dopo aver tentato più volte la conclusione personale, serve sul finale del primo tempo un ottimo assist a Granoche, il quale impegna il portiere Zappino in una respinta corta che viene ribadita in rete da Garritano. Oltre alla prova più che positiva di Fedato, anche Alessandro Martinelli si dimostra utile al Modena con una prestazione ordinata in mediana.

Nel pareggio dell’Adriatico tra due delle formazioni più in salute del momento, ha di che rammaricarsi il Pescara, in vantaggio per due volte e raggiunto proprio nel finale sul 2-2 dal Vicenza. Tra i pali degli abruzzesi Vincenzo Fiorillo si conferma titolare e, compiendo una difficile parata su un gran tiro di Cocco ad inizio ripresa, va a bilanciare l’errore sulla respinta in occasione della prima rete ospite. Poco impiegato nel resto del match, non può nulla sull’imperioso stacco e colpo di testa con cui proprio Cocco pareggia i conti allo scadere.

Raggiunge finalmente la doppia cifra Simone Corazza, realizzando davanti al pubblico di casa una doppietta che lo porta superare il proprio record di marcature in campionato, dieci, centrato con le maglie di Sudtirol e Portogruaro. Nel 3-0 contro l’Unione Venezia l’attaccante blucerchiato apre e chiude le marcature, andando in rete al 27’ con un bel destro di prima, a raccogliere l’assist dalla destra di Garufo, mentre nella ripresa sfrutta il suo ottimo tempismo per depositare in fondo al sacco un cross dalla sinistra, eludendo sia il portiere che il proprio marcatore. Pomeriggio tranquillo, invece, per Andrea Tozzo, quasi mai chiamato in causa, e temerario soltanto nel finale con un’uscita avventata durante l’ultimo assalto ospite.

Alla vittoria del Novara secondo risponde prontamente la capolista Alessandria, che si impone per 1-0 nella trasferta di Pordenone. Sconfitta preventivabile, ma amara, per i friulani, sempre in partita e penalizzati da alcune dubbie decisioni arbitrali. In campo per tutti i 90’ l’ex Primavera Mattia Placido, schierato sulla destra e autore di una prestazione sufficiente, anche se macchiata da un piccolo errore in occasione del gol subìto: sul calcio d’angolo si schiera a copertura del primo palo, ma tarda a riprendere la posizione, tenendo in gioco Mezavilla che sugli sviluppi colpisce di testa battendo Careri.

Sconfitta che brucia anche per il Pontedera, superato in casa dal Gubbio con un gol di Marchionni in apertura di gara. La squadra di Indiani tarda a reagire, riuscendo ad impensierire gli ospiti soltanto nel secondo tempo, ma non trovando tuttavia il gol del pareggio. Dopo la manciata di minuti nella trasferta di Reggio fa il suo esordio da titolare Mattia Lombardo, schierato regista basso nella formazione granata, ma protagonista di una prova troppo impalpabile.

Infine, subentrano a partita in corso Massimo Volta e Gabriele Rolando, rispettivamente in Cesena-Palermo e Como-Monza, entrambe terminate sul punteggio di 0-0. Mentre al Manuzzi non si registrano grandi emozioni, al Sinigaglia il Como tenta il tutto per tutto, colpendo ben due traverse, con Castiglia e Defendi, e sfiorando il gol con due belle azioni confezionate da Rolando sulla destra, prima servendo un compagno ben piazzato in area, e poi accentrandosi e tentando la conclusione personale.