VERSIONE MOBILE
tmw
 Giovedì 5 Marzo 2015
UNA REGINA SOTTO I RIFLETTORI
07 Mar 2015 18:00
Serie A TIM 2014-2015
  VS  
Sampdoria   Cagliari
[ Precedenti ]
SCEGLI IL TUO SAMPDORIA MVP DI ATALANTA - SAMP!
  
  
  
  
  
  
  

UNA REGINA SOTTO I RIFLETTORI

Padroni del nostro destino

Giornalista pubblicista. Direttore e ideatore di Sampdorianews.net. Dall'estate 2006 nella redazione di Tuttomercatoweb.com. Opinionista per "Sampdoria sempre con te" su Radio 103.
15.02.2012 09:15 di Diego Anelli  articolo letto 1234 volte
© foto di Federico De Luca

Era normale che capitasse e per fortuna ce lo possiamo domandare perché sono arrivati sei punti, due vittorie consecutive, un evento che non capitava da un girone interno, da quando la Sampdoria sconfisse nettamente il Gubbio a Marassi ed espugnò Empoli. “Possiamo ancora farcela, oppure è troppo tardi, il treno è già passato?”.

Se la promozione diretta rappresenta ormai ahimè un’autentica utopia, i play-off e più precisamente il sesto posto sono ancora a portata di mano. Quel traguardo, attualmente conquistato dal Varese, dista soltanto 4 lunghezze e la Sampdoria vanta ancora una gara da recuperare, quella casalinga contro l’Empoli, nella quale bisogna soltanto vincere. Se non si fallisse quell’appuntamento, allora avremmo un serio e credibile motivo in più per crederci davvero.

Intendiamoci, con tutta quella valanga di punti persi per strada, sembra quasi un lusso stare ancora qua a commentare le chance di promozione della Sampdoria, non sembra nemmeno vero e invece è bastato conquistare due vittorie consecutive per tornare in gioco. Se poi riflettiamo sugli eventi, anche quelli recenti, quanta rabbia nutriamo dentro: basta pensare se non fossimo riusciti a perdere quella gara interna con il Varese nei minuti finali con un tiro da fuori di Damonte, se avessimo conquistato quel pareggino, sul momento quasi inutile e invece nella sostanza molto pesante, a quest’ora avremmo 1 punto in più e i lombardi 2 in meno, il gap si sarebbe complessivamente ridotto di ben 3 lunghezze. Peccato, non si può più tornare indietro.

L’exploit di Grosseto e il ritorno al successo tra le mura amiche contro l’Albinoleffe rappresentano uno specchio piuttosto veritiero dell’attuale condizione psico-fisica e tecnico-tattica della squadra. In Maremma è stato il debutto della Samp post rivoluzione, con un centrocampo quasi totalmente rinnovato e la conferma del nuovo arrivato Eder in avanti. Non si sono fatte cose eccezionali, ma sono state ben compiute le cose più semplici, quelle basilari che consentono di non complicarsi la vita e gestire la gara. Il lungo ma sterile dominio territoriale della prima frazione rischiava di trasformarsi in un film già visto e invece l’ingresso di Foggia ha spaccato la partita a nostro favore; se un giocatore dalle sue qualità trova continuità e convinzione, allora è in grado di decidere da solo le partite a questi livelli.

Al di là della perla di Foggia, è giusto evidenziare i progressi generali della squadra. Difesa compatta, centrocampo grintoso, dinamico, sempre nella partita, attacco bisognoso di maggiori rifornimenti, ma pronto a colpire, si è trovato un 11 titolare e uno schema adatto alle caratteristiche della rosa, il mercato in entrata sta iniziando a dare i propri frutti, come accaduto per il Varese con Granoche e Rivas subito decisivi. Il goal annullato per un dubbio offside a Sforzini ha salvato la Samp, mettendo pesantemente in risalto l’incapacità di chiudere le gare. Tornare da Grosseto con un punto sarebbe stato una beffa, ma purtroppo niente di nuovo rispetto a diverse gare precedenti. Contro l’Albinoleffe nel bene e nel male abbiamo seguito il percorso iniziato in Toscana.

Anche a Marassi finalmente la Sampdoria ha dato segnali di ripresa, in determinate fasi del match ha costruito gioco in maniera intelligente, fluida e avvolgente, ha creato numerose occasioni da rete, ha visto la crescita costante di giocatori chiave a centrocampo come Obiang e Munari, ha intravisto a sprazzi il Juan Antonio decisivo e non fumoso, ha messo in evidenzia il peso specifico di Pozzi in questa squadra, ma c’è ancora tanto da lavorare. Al di là di chi talvolta minimizza con frasi del tipo “il portiere c’è apposta per parare” e pur riconoscendo che non sia facile affrontare compagini come l’Albinoleffe chiuse a riccio e pronte a ripartire in contropiede, bisogna migliorare, non si possono concedere 3 nitide occasioni da rete e non trovare il secondo goal gettando al vento una serie infinita di palle goal.

Alla fine abbiamo potuto sorridere perché stavolta la sfortuna non ha prevalso, è stata premiata la meritocrazia e abbiamo avuto l’ennesima occasione per tastare con mano quanti punti sia in grado di regalare ad una squadra un portiere di spessore internazionale come Romero, capace non soltanto di trasmettere personalità, sicurezza e fiducia all’intero reparto difensivo, ma di togliere le castagne dal fuoco nei momenti più delicati. Un portiere come lui, al termine di una stagione, ti assicura una decina di punti, contrariamente a quanto accadeva fino a pochi mesi fa con chi l’aveva preceduto. Adesso è naturale chiedersi: “Possiamo ancora farcela ad agganciare i play-off?”, “Un pareggio può essere utile a Torino, oppure  bisogna necessariamente vincere?”. A prescindere dalla rivoluzione di gennaio, l’exploit di Padova mi aveva sinceramente illuso e caricato di nuovo entusiasmo, le gare deludenti con Livorno e Gubbio mi avevano prontamente e bruscamente riportato con i piedi per terra, perché di squadra non si vedeva assolutamente nulla e potevamo guardarci unicamente alle spalle.

Le ultime due vittorie, ma anche diversi segnali positivi trasmessi dalla squadra in termini di gioco corale, grinta, voglia di non mollare mai e di una fisionomia finalmente capace di emergere in determinati tratti di gara possono lasciare discretamente ottimisti e fiduciosi per il futuro e, pur consapevoli che il terreno perduto è davvero notevole, ci sono ancora i margini e le qualità per rientrare nei play-off, ma non dobbiamo sbagliare quasi più nulla. A Torino è giusto andare per vincere, come contro qualunque avversario e su ogni campo dove andremo a giocare, un eventuale exploit potrebbe davvero rappresentare il colpaccio capace di dare la svolta ad un’intera stagione, ma se il risultato finale fosse un pareggio e arrivasse al termine di una nuova prestazione caratterizzata da gioco e determinazione, sarebbe un punto da tenersi ben stretti e da raccogliere con il sorriso stampato in volto.

Adesso la Sampdoria ha bisogno di continuità, tornare da Torino con almeno un punto significherebbe prolungare la striscia di imbattibilità del girone di ritorno e attendere con ottimismo le prossime gare interne: riuscire a sconfiggere a Marassi una diretta avversaria come il Verona e prevalere su una compagine come l’Empoli impegnata nella lotta per non retrocedere e quindi attesa al “Ferraris” con una tattica principalmente difensivistica, significherebbe aver messo forse la crisi definitivamente alle spalle, guardare in faccia tutte le ipotetiche avversarie dei play-off e urlare a testa alta: “Attenti, la Sampdoria è tornata”. Il destino è imprevedibile, ma prima di tutto siamo sempre noi padroni del proprio destino.

 


Altre notizie - Una Regina sotto i Riflettori
Altre notizie
 

#ÈSEMPREDERBY: "ETO’O, LA BUSSOLA BLUCERCHIATA"

Gioie, dolori, liberazioni, sofferenze, emozioni, delusioni che trovano il loro apice in quei 180 minuti, ma si provano, si toccano con mano, battono dentro di noi in ognuno dei 365 giorni nei gradoni delle gradinate, alla colazione al bar, al campetto con gli amic...

ESCLUSIVA SN: JACOBELLI: "IL RAPPORTO ETO'O - MIHAJLOVIC MI SEMBRA UN NATURALE PROCESSO DI CONOSCENZA RECIPROCA. NEL DERBY HO VISTO UNA SQUADRA IN RIPRESA"

Passata la sbornia di emozioni che un derby, peraltro rinviato e giocato dopo tre giorni, porta con sè, la Sampdoria...

ESCLUSIVA SN - "CON IL ROSSO NON SI PASSA": "L'ESITO DEL DERBY VA OLTRE IL MOMENTO DELLE SQUADRE. UNA FORTUNA AFFRONTARE QUELL'EMOZIONE"

Sampdoria e Genoa arrivano al derby in due momenti di forma diversi, ma io credo che questo tipo di partite vadano al di...

ESCLUSIVA SN - ŽIVKOVIĆ: "UN GOL NEL DERBY RESTA NELLA STORIA. MIHAJLOVIC HA FATTO UN GRANDE LAVORO, SAPRÀ MOTIVARE LA SQUADRA"

Ogni tifoso di calcio sa che per fare la storia non serve necessariamente un grande nome, o un 10 sulle spalle. A volte sono...

TRASFORMAZIONE SAMPDORIA: NELLA RIPRESA SI TORNA A SORRIDERE (1-2)

Live testuale su Sampdorianews.net, cronaca sulle frequenze di Radio19, Sampdorianews.net invita i propri lettori a seguire...

MURIEL E OKAKA DIESEL, CORREA ILLUMINANTE, REGINI DISORIENTATO

Viviano 6,5: nel primo tempo risponde a Carmona, che lo impegna dalla distanza, mentre nella ripresa si fa trovare pronto...

CONCENTRATO SUL PRESENTE. AUGURI A SERGIO ROMERO

Destino singolare, quello di Sergio Romero, portiere titolare dell’Argentina vice campione del mondo che da diverse...
 
Juventus 58
 
Roma 49
 
Napoli 45
 
Lazio 43
 
Fiorentina 42
 
Sampdoria 39
 
Genoa (-1) 36
 
Torino 36
 
Inter 35
 
Milan 34
 
Palermo 34
 
Sassuolo 29
 
Empoli 28
 
Udinese (-1) 28
 
Hellas Verona 28
 
Chievo Verona 25
 
Atalanta 23
 
Cagliari 20
 
Cesena 19
 
Parma (-2) 10*
Penalizzazioni
 
Parma -1

   Editore: TC&C srl (web content publisher since 1994) Norme sulla privacy   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.