VERSIONE MOBILE
tmw
 Sabato 28 Febbraio 2015
UNA REGINA SOTTO I RIFLETTORI
01 Mar 2015 15:00
Serie A TIM 2014-2015
  VS  
Atalanta   Sampdoria
[ Precedenti ]
SCEGLI IL TUO SAMPDORIA MVP DI SAMP - GENOA!
  
  
  
  
  
  

UNA REGINA SOTTO I RIFLETTORI

Dale Dale Doria!

Giornalista pubblicista. Direttore e ideatore di Sampdorianews.net. Dall'estate 2006 nella redazione di Tuttomercatoweb.com. Opinionista per "Sampdoria sempre con te" su Radio 103.
15.04.2012 17:34 di Diego Anelli  articolo letto 2428 volte
© foto di Filippo Gabutti

Qualcuno aveva gettato le speranze dopo il pareggio casalingo contro l’Ascoli in una gara peraltro disputata contro una squadra  bravissima nel chiudersi a riccio, fare fortino e non farci assolutamente giocare spezzettando continuamente il ritmo, poi la Sampdoria aveva espugnato il “Tombolato” di Cittadella e scacciato l’incubo Nocerina al “Ferraris”.

Per la prima volta da due mesi a questa parte non si è fatta una partita come ci si aspettava, è accaduto a Crotone, dove peraltro la Samp, oltre ad un campo ostico per chiunque, ha dovuto disputare l’ultima mezz’ora in inferiorità numerica per l’ingenua espulsione di Berardi, capace di rimediare due evitabilissimi gialli nel giro di 15’, e ha provato perfino a vincere comunque la partita prima del goal beffa di Eramo all’ultimo respiro.

Alla vigilia della sfida contro il Brescia dei gufi si era perso il conto, i mugugnoni erano saltati nuovamente fuori, di coloro che si abbattono alla prima difficoltà non sappiamo cosa farcene. Il 2011 è stato un anno non pieno di errori, ma di terremoti, decisioni incomprensibili, imbarazzanti e scandalose, ma come è giusto non dimenticare, è altrettanto corretto voltare pagina, sperare di aver imparato dagli errori commessi, guardare avanti, concentrarsi sul presente, su questa Sampdoria, capace di una rimonta che avrebbe dell’incredibile.

Se fino alla trasferta di Gubbio mi guardavo esclusivamente alle spalle e alla bagarre play-out perché dentro e fuori dal campo non si registravano elementi che portavano ad essere ottimisti, dalla vittoria contro il Verona ho ritrovato la mia Sampdoria e non mi riferisco esclusivamente al risultato, al fatto di aver sconfitto l’autentica sorpresa del torneo, arrivata a Genova con 14 punti in più rispetto alla compagine blucerchiata, anche se non sarebbe già un fattore da sottovalutare. Mi riferisco invece al come sia venuta la vittoria, all’anima, al cuore, allo spirito, alla corsa, al gioco corale, alla voglia di abbattere qualsiasi ostacolo, anche quello apparentemente più insormontabile, che ho riscontrato nei giocatori. Da quel momento ho capito che sarebbe stata dura, occorreva un’impresa, ma potevamo ancora farcela.

Se Romero è una saracinesca, se Gastaldello sta ritornando il baluardo difensivo che avevamo ammirato fino a due anni fa, se Rossini è ormai diventato intoccabile dopo i mesi in panchina durante la gestione Atzori, se Obiang si conferma l’autentico padrone del centrocampo, se Renan sta crescendo partita dopo partita per quantità e qualità, se Pozzi lascia sempre il segno, se Pellè ha dimostrato di esserci eccome, se Iachini ha trovato da tempo il bandolo della matassa e sa di avere a disposizione la rosa giusta per coronare l’impresa, abbiamo ancora molte frecce nel nostro arco.

Munari deve ancora metterla e ci attendiamo da lui goal pesanti,come del resto da Eder, spesso immarcabile per gli avversari e puntuale assist-man, è ancora alla ricerca della prima gioia personale in blucerchiato, Juan Antonio e Foggia hanno mezzi tecnici incredibili ma devono ancora trovare continuità di rendimento ed essere più freddi in fase realizzativa, Krsticic rappresenta un jolly preziosissimo per geometrie e polmoni nel cuore del centrocampo, Bertani può tornare decisivo nelle gare finali, confermando che il giocatore ammirato ad inizio stagione non fu un lontano parente.

Il calendario non è semplicissimo, ma la Samp capace di conquistare vittorie esterne, uscire imbattuta a Modena contro il Sassuolo, di piegare in casa sia Verona che Brescia e conquistare l’intera posta in palio in ben 5 occasioni nelle ultime 6 apparizioni interne, può ancora farcela, deve avere rispetto di qualunque avversario, ma senza temere nessuno. Bari, Reggina e Pescara in casa rappresentano tre gare delicate, le trasferta di Vicenza, Modena e Castellamare, in attesa del possibile spareggio di Varese, costituiscono test da prendere con le pinze contro avversari impegnati nella lotta per non retrocedere, o contro autentiche sorprese del torneo come la Juve Stabia che ci aspetta nel suo fortino.

Sono convinto che la Samp c’è e ci sarà fino alla fine a prescindere dall’esito finale del torneo, lo sono altrettanto dei tifosi, sempre presenti, che non l’hanno mai lasciata sola, degli stoici che l’hanno seguita a Nocera e a Crotone, anche di chi l’ha voluta seguire ed è stato costretto a restare all’esterno degli stadi per la discutibile normativa sulla tessera del tifoso. Il mio è un messaggio rivolto ai tifosi più tiepidi, ai simpatizzanti, a chi ha voluto almeno un po’ di bene ai colori blucerchiati, a chi si è visto in Piazza de Ferrari dopo il raggiungimento del quarto posto e a Brema per poi sparire nuovamente alla prima difficoltà, ma si considera comunque, a torto o a ragione, un tifoso doriano. È il momento di dimostrarlo con i fatti.

Questo è il momento che tutti diano il proprio supporto alla Sampdoria, che contribuiscano a rendere il “Ferraris” un’autentica bombonera e partecipino ad ognuna delle prossime trasferte per portare la Gradinata Sud in giro per l’Italia. Non lasciamo nulla d’intentato, crediamoci tutti insieme, cantiamo a squarcia gola, spingiamo i ragazzi, possiamo ancora farcela, riprendiamoci quanto abbiamo perso soltanto un anno fa. Dale dale Doria!

 


Altre notizie - Una Regina sotto i Riflettori
Altre notizie
 

ESCLUSIVA SN: JACOBELLI: "IL RAPPORTO ETO'O - MIHAJLOVIC MI SEMBRA UN NATURALE PROCESSO DI CONOSCENZA RECIPROCA. NEL DERBY HO VISTO UNA SQUADRA IN RIPRESA"

Passata la sbornia di emozioni che un derby, peraltro rinviato e giocato dopo tre giorni, porta con sè, la Sampdoria deve tornare a concentrarsi sul campionato, per riprendere l'inseguimento al sogno europeo che dalle parti di Genova si comincia ad accarezzare per davv...

#ÈSEMPREDERBY: "ACQUAH, APPENA ARRIVATO MA GIÀ FONDAMENTALE"

Gioie, dolori, liberazioni, sofferenze, emozioni, delusioni che trovano il loro apice in quei 180 minuti, ma si...

ESCLUSIVA SN - "CON IL ROSSO NON SI PASSA": "L'ESITO DEL DERBY VA OLTRE IL MOMENTO DELLE SQUADRE. UNA FORTUNA AFFRONTARE QUELL'EMOZIONE"

Sampdoria e Genoa arrivano al derby in due momenti di forma diversi, ma io credo che questo tipo di partite vadano al di...

ESCLUSIVA SN - ŽIVKOVIĆ: "UN GOL NEL DERBY RESTA NELLA STORIA. MIHAJLOVIC HA FATTO UN GRANDE LAVORO, SAPRÀ MOTIVARE LA SQUADRA"

Ogni tifoso di calcio sa che per fare la storia non serve necessariamente un grande nome, o un 10 sulle spalle. A volte sono...

LA SAMP FA E DISFA. SCONFITTI 2-1, SERVE LA VERA SAMP

Live testuale su Sampdorianews.net, cronaca sulle frequenze di Radio19, Sampdorianews.net invita i propri lettori a seguire...

VIVIANO CHE COLPO DI RENI. ACQUAH NON SI FERMA MAI, EDER CI CREDE SEMPRE

Viviano 7: incolpevole sul goal, risponde presente su Niang in due occasioni nel corso della prima frazione. Trasmette...

CONCENTRATO SUL PRESENTE. AUGURI A SERGIO ROMERO

Destino singolare, quello di Sergio Romero, portiere titolare dell’Argentina vice campione del mondo che da diverse...
 
Juventus 57
 
Roma 48
 
Napoli 45
 
Lazio 40
 
Fiorentina 39
 
Genoa 36
 
Sampdoria 36
 
Inter 35
 
Milan 33
 
Torino 33
 
Palermo 33
 
Sassuolo 29
 
Udinese (-1) 28
 
Empoli 27
 
Hellas Verona 25
 
Chievo Verona 24
 
Atalanta 23
 
Cagliari 20
 
Cesena 16
 
Parma (-1) 10*
Penalizzazioni
 
Parma -1

   Editore: TC&C srl (web content publisher since 1994) Norme sulla privacy   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.