ESCLUSIVA SN - Tirotta: "Samp al 2° posto nel suo campionato. Giampaolo anche Responsabile della Primavera. Dai calciatori la prova di maturità da offrire ai tifosi"

Per decenni uno dei volti più noti della tifoseria organizzata blucerchiata. Da alcuni anni opinionista per Sampdorianews.net.
 di Enzo Tirotta  articolo letto 6132 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
ESCLUSIVA SN - Tirotta: "Samp al 2° posto nel suo campionato. Giampaolo anche Responsabile della Primavera. Dai calciatori la prova di maturità da offrire ai tifosi"

La Sampdoria ha ingranato una marcia che l’ha portata ad allungare a 3 la sequenza di vittorie consecutive.

In questo periodo felice è logico ci siano richieste e rumors di mercato, ai quali io rispondo: “Meno male”. E non è certo su questo che voglio concentrare la mia attenzione. Quello su cui vorrei invece focalizzarmi è sulla posizione di classifica che la Samp occupa nel “suo” specifico campionato.

In questo momento la Sampdoria è al 2° posto. Ritengo infatti che le due torinesi, le due romane e le due milanesi, più Fiorentina e Napoli, siano squadre obiettivamente fuori dalla nostra portata. Tutte insieme costituiscono un totale di 8 squadre. Noi siamo in decima posizione, per cui è come fossimo secondi, solo dietro all’Atalanta.

Detto questo mi pare aver chiaramente delineato quale sia attualmente la dimensione della Sampdoria. Inutile quindi pretendere, o cadere dal pero nella concomitanza di qualche eventuale cessione. Nel mondo sono forse solo 4 o 5 le squadre che possono comprare senza vendere, mentre noi, come tutte le altre migliaia di società, dobbiamo fare come possiamo.

La particolarità di un campionato come questo, spezzato in tronconi, potrebbe far pensare a cali emozionali, di tensione o concentrazione nei giocatori. I nostri atleti sono giovani e potrebbero perdere alcuni stimoli. E proprio per questo che da tempo mi batto nell’insistere sulla prova di maturità che i calciatori blucerchiati devono offrire ai tifosi.

Il ciclo che ci aspetta e che ci porterà al derby sarà occasione per verificare la squadra nell’ottica di questa analisi. Potremmo arrivare all’11 marzo sulle ali del grande entusiasmo per tre partite contro Cagliari, Palermo e Pescara con le quali proseguire la serie delle 3 gare precedenti. Ma potremmo anche vivacchiare nei risultati, oppure crollare e arrivare alla stracittadina con una nuova altalena di prestazioni. Tutto dipenderà dalla maturità della squadra.

E ciò mi induce ad un’ulteriore analisi. Premesso che personalmente a me il gioco di Giampaolo non piace (non lo nego e lo confermo), devo ammettere che si tratta dell’uomo giusto in questo specifico momento della Samp. E ne sono così convinto che dopo aver visto l’identità di linguaggio calcistico in campo, vorrei che la società gli assegnasse anche l’incarico di responsabile della Primavera, mettendone un "suo uomo” alla guida. In questo modo nascono i progetti. E il fatto che a me non piaccia il gioco di Giampaolo, non mi impedisce di sostenere che chi propone un’identità così forte debba avere la possibilità di lavorare anche per i giovani che subentreranno in squadra. Perché come disse Boskov: “Noi … siamo noi …”.

RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE CONSENTITA PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE WWW.SAMPDORIANEWS.NET