Diego Anelli a Tuttojuve.com: "Poli ha tutti i mezzi, i tempi e i margini per tornare un uomo mercato". "Marotta? Se fossi un tifoso juventino, me lo terrei ben stretto"

 di Redazione Sampdoria News  articolo letto 325 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Diego Anelli a Tuttojuve.com: "Poli ha tutti i mezzi, i tempi e i margini per tornare un uomo mercato". "Marotta? Se fossi un tifoso juventino, me lo terrei ben stretto"

Le recenti dichiarazioni di Pasquale Sensibile e Beppe Marotta sui contatti di mercato tra Sampdoria e Juventus, l'avventura di Ciro Ferrara sulla panchina blucerchiata, l'operato di Beppe Marotta alla "Vecchia Signora", il futuro di Andrea Poli. Sono stati alcuni degli argomenti trattati nel corso dell'intervista rilasciata da Diego Anelli, Direttore di Sampdorianews.net, a Tuttojuve.com:

Quale sarà il futuro di Andrea Poli? “Questa sarà una stagione cruciale per il futuro di Andrea Poli. Dopo le prime partite da professionista a Treviso e l’ottima stagione disputata tra i cadetti con la casacca del Sassuolo, sembrava essere prossimo alla definitiva consacrazione. L’annata che coincise con il quarto posto della Sampdoria targata Delneri aveva visto il giovane centrocampista conquistare un posto tra 11 titolari, arrivare alla grande ribalta, ricevere le attenzioni e i complimenti di allenatori di primissimo livello come Josè Mourinho. Una crescita costante e imponente, interrotta però poi bruscamente quando sembrava mancare pochissimo al decisivo salto di qualità. La maledetta stagione della retrocessione blucerchiata vide anche Andrea Poli rendere ben al di sotto delle aspettative e l’ultima annata, vissuta all’Inter, l’ha visto piuttosto ai margini del progetto tecnico, anche a causa di diversi problemi fisici. Nel caso in cui quest’anno tornasse ai livelli della Samp di Delneri, si trattrebbe di un ottimo investimento per le “big”, Cesare Prandelli lo sta tenendo seriamente in considerazione in ottica Nazionale, ha tutti i mezzi, i tempi e i margini per tornare un uomo mercato, purchè stia fisicamente in forma, altrimenti le sue prospettive potrebbero anche ridimensionarsi. In ogni caso per diventare un centrocampista completo ha un’unica lacuna sulla quale lavorare: la conclusione da fuori, un aspetto assolutamente da migliorare per poterlo definire un centrocampista completo”.

Per visualizzare l'intervista in versione integrale clicca sul seguente link:

http://www.tuttojuve.com/?action=read&idnotizia=109905