Padelli sulla società blucerchiata: "Mi è stata molto vicina in questo periodo, non posso far altro che ringraziarla"

 di Serena Timossi  articolo letto 718 volte
© foto di Filippo Gabutti
Padelli sulla società blucerchiata: "Mi è stata molto vicina in questo periodo, non posso far altro che ringraziarla"

All'interno dell'intervista rilasciata a SampTv e riportata nel sito ufficiale blucerchiato, Daniele Padelli ha sottolineato quanto la società e i compagni gli siano stati vicini nel periodo che ha preceduto il proscioglimento dall'accusa di illecito sportivo per la partita Palermo-Bari del 7 maggio 2011: "Tantissime persone mi sono state vicino, anche persone che non pensavo potessero farlo in un momento così difficile. Viceversa altri che pensavo fossero di famiglia si sono allontanati subito, andando dietro all'opinione pubblica. Nella mia valle ci sono paesi piccolini e sono subito stato additato come corrotto".

"Tengo a sottolineare che mi sono stati vicini anche i miei compagni. Tanti di loro li conosco solamente da poco tempo, eppure penso che abbiano ben compreso il tipo di persona che sono. La Sampdoria già lo aveva ben presente e mi è stata molto vicina in questo periodo, non posso far altro che ringraziarla".

Il portiere vive emozioni contrastanti: "Di questa situazione mi rimane un profondo amaro in bocca perché credo che il mondo del calcio vada risanato. D'altro canto provo comunque tanta felicità: ho capito che la giustizia alla fine viene fuori e le persone oneste e pulite possono guardare negli occhi tutti". Finalmente, però, può concentrarsi sul suo futuro: "Il mio obiettivo primario era quello sistemare questa situazione e, adesso che posso pensare solo al rettangolo verde, spero di riuscire a trovare un posto da titolare in qualche squadra. Mi sono allenato con serietà e spero che questi sacrifici possano venire ripagati".