La gioia di Eder: "Partire con una vittoria è importante"

 di Andrea Piras  articolo letto 533 volte
© foto di Giuseppe Celeste/Image Sport
La gioia di Eder: "Partire con una vittoria è importante"

Si è battuto come un leone domenica in quel di San Siro. Ha giocato in un ruolo decisamente inedito, quello di prima punta riuscendo a dare filo da torcere alla difesa del Milan.

Ovviamente stiamo parlando di Martins Citadin Eder che in esclusiva per la nostra redazione nazionale tuttomercatoweb.com ha dichiarato:

"Abbiamo iniziato nel migliore dei modi? Sì, anche per cancellare il -1 in classifica. Partire con una vittoria è importante. Poi il successo è arrivato contro il Milan, un avversario di grande spessore.

L'obiettivo? Disputare un campionato tranquillo. Sì, siamo una neopromossa, il primo obiettivo deve essere la salvezza. Abbiamo tanti giovani in squadra, dobbiamo pensare a disputare un campionato tranquillo e nulla più, per adesso. Poi la Samp è una società importante, il resto verrà da sè.

Il mio obiettivo personale? Fare bene e aiutare la squadra. Magari d'inverno il campo è pesante e soffro di più. Però non devo farmi condizionare da questa cosa, l'importante è fare bene.

In blucerchiato poteva tornare Cassano, se mi sarebbe piaciuto? Se fosse tornato ci avrebbe dato una grande mano e sarebbe stato un ottimo acquisto. Ma è stato deciso così e soprattutto nessuno si aspettava lo scambio di Milano. Comunque la nostra società si sta muovendo molto bene, basti pensare agli ultimi arrivi Maresca e Poulsen.

Chi vincerà lo scudetto? Io dico Juventus, perché è molto forte, ha la base dello scorso anno e ha inserito in organico altri giocatori importanti. Lucas? Ci sono due brasiliani sopra la media: Neymar e appunto Lucas. Per il resto non vedo calciatori di grandissimo livello come loro. Paulinho? Buon giocatore, di età è più grande rispetto a Lucas e Neymar. Però ha buona tecnica".