VERSIONE MOBILE
tmw
 Sabato 29 Novembre 2014
LE CRONACHE
01 Dic 2014 21:00
Serie A TIM 2014-2015
  VS  
Sampdoria   Napoli
[ Precedenti ]
SCEGLI IL TUO SAMPDORIA MVP DI CESENA - SAMP!
  
  
  
  
  
  

LE CRONACHE

Tre goal doriani, tripletta Pozzi, il debutto della terza vittoria consecutiva: 3 punti Samp per consolidare la zona play-off (3-1)

06.05.2012 16:15 di Diego Anelli  articolo letto 1114 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Nella giornata dei “3” la Sampdoria prosegue la sua clamorosa rimonta del girone di ritorno, portando a casa la settima vittoria casalinga nelle ultime 8 apparizioni interne e per la prima volta in campionato trova il terzo successo consecutivo.

Nonostante l’obiettivo play-off fosse ormai diventata una chimera, la Reggina fa la sua partita, è ben messa in campo, tiene piuttosto bene il possesso palla e prova a mettere in difficoltà la retroguardia doriana priva di Romero e Gastaldello, soprattutto grazie ai guizzi di Campagnacci e ai tagli di Ceravolo. È comunque la Sampdoria a fare la partita ed è brava a sbloccare il risultato al primo vero e proprio tentativo offensivo: al 13’ sulla fascia sinistra Eder fa impazzire la retroguardia amaranto, crossa in centro per Pozzi, bravo ad anticipare Angella e a trovare l’angolino più lontano con un tocco di prima intenzione, anche grazie alla deviazione dello stesso difensore.

La Reggina non sta assolutamente a guardare, si getta subito in avanti alla ricerca del pareggio e lo sfiora in due occasioni sempre con Ceravolo, prima di testa su traversone dalla destra di Angella, poi con una conclusione di prima intenzione sul primo palo su cross dal fondo di Campagnacci, ma senza trovare lo specchio della porta. Scampato indenne il pericolo la Sampdoria torna a fare la partita, schiaccia la Reggina nella propria metà campo e al 31’ dà l’ennesima dimostrazione di voler fare sul serio: Juan Antonio, dopo una percussione centrale di Rossini, prova la conclusione dal limite, Belardi si distende e gli dice di no, ma continuiamo a schiacciare sull’acceleratore con Rispoli, assolutamente immarcabile sulla destra, sul cui cross Renan in gioco aereo arriva per un non nulla in ritardo e l’occasione sfuma.

È comunque il preludio al raddoppio che giunge al 36’ quando Munari sfonda con eleganza sull’out destro e crossa sul lato opposto per Pozzi, lesto a bruciare in dribbling il suo diretto marcatore e a superare Belardi con una conclusione secca sul primo palo. A questo punto c’è un’unica squadra in campo, la Sampdoria, nonostante qualche imprevisto, come l’infortunio occorso a Juan Antonio, sostituito da Foggia. Il pallino del gioco resta in pugno ai blucerchiati, l’unico sussulto della Reggina è firmato Campagnacci, con un colpo di testa deviato in corner da Volta, sostituto dello squalificato Gastaldello.

Il fatto di aver trovato il raddoppio prima dell’intervallo carica a mille la Sampdoria che ad inizio ripresa, soltanto nel giro di 11 minuti, crea un incredibile numero di occasioni da rete. Eder lancia Foggia sul filo del fuorigioco ma l’ex laziale si allunga ma non trova la sfera, Belardi respinge di pugno la conclusione da fuori operata da Obiang, Eder prova a rifare in fotocopia l’azione del raddoppio di Modena ubriacando di finte gli avversari sull’out destro e crossando in centro, ma Renan è in ritardo sul secondo palo. Non dimentichiamo poi un’azione corale da applausi, partita dai piedi di Rispoli, proseguita da Munari (il quale poco dopo sciupa un’occasionissima a tu per tu con  Belardi dopo un favorevole rimpallo), raffinata dal tacco in corsa di Pozzi e terminata con una conclusione a botta sicura di Foggia murata dalla retroguardia amaranto.

È un tiro al bersaglio, sciupiamo l’impossibile, ma fortunatamente il 3-0 arriva comunque, sempre con Pozzi, autore di un gran goal con un bolide di prima intenzione ad incrociare sul secondo palo capitalizzando al meglio l’ottimo lancio in profondità di Obiang, bravo a trasformare immediatamente l’azione da difensiva in offensiva. È il minuto 15 della ripresa, Iachini decide di mettere dentro Pellè proprio al posto di Pozzi, regalandogli un’autentica standing-ovation e facendolo respirare in vista degli impegnativi incontri che attendono ancora la Sampdoria, che però, da questo momento, è sì brava ad amministrare la sfida per diversi minuti, ma poi, causa stanchezza fisica e rilassamento mentale, stacca un po’ presto la spina e subisce il goal della Reggina firmato dal neo-entrato Melara al minuto 72.

È soltanto il goal della bandiera, eppure i calabresi danno quasi la sensazione per alcuni minuti di provare a costruire una bozza di rimonta, vedendo i blucerchiati stanchi sulle gambe e troppo rinunciatari. Ci provano Emerson su punizione e Rizzato al volo, ma senza trovare lo specchio della porta, poi è la volta di Da Costa dire di no al temibile tiro sul primo palo realizzato ancora da Melara. Non succede più nulla, a parte un gran intervento di Belardi su conclusione a giro di Foggia.

La Sampdoria porta in casa una meritatissima vittoria, un successo di fondamentale importanza in vista dell’impegno stasera del Padova contro il Torino e dell’insidiosa trasferta di Castellamare dove la Sampdoria recupererà lo squalificato Gastaldello e dovrà essere nuovamente accompagnata da un elevato numero di tifosi, sempre presenti anche in occasione delle trasferte più lontane.

 


Altre notizie - Le Cronache
Altre notizie
 

UNA BOTTA DI DORIA, UNA BOTTA DI LIBERTÀ

Cesena, soprattutto col senno di poi, rappresenta un'occasione sprecata. Ci mancano due punti al termine di una gara a due volti. 45' sottotono, squadra nel torpore, priva del mordente e della determinazione che hanno contraddistinto lo straordinario avvio di stagione. ...

ESCLUSIVA SN - PALOMBO: "LA STRADA È GIUSTA, MA AVREMMO POTUTO FARE PIÙ PUNTI, ANCHE CON LE GRANDI. LA PARTITA PER FLACHI SI DEVE FARE A TUTTI I COSTI"

Si dice che nel calcio le bandiere non esistano più, ma sulla nave chiamata Sampdoria tutti noi sappiamo di poter contare...

ESCLUSIVA SN - "LA ROVESCIATA SOTTO LA GRADINATA": "A S.SIRO MANCATA SOLO LA FORTUNA. SPERO ARRIVI PRESTO IL BENESTARE SAMP PER LA MIA PARTITA"

La Sampdoria ha mantenuto l’imbattibilità fino alla nona giornata, sono dati importanti, al di sopra di tutte le...

ESCLUSIVA SN - "DAI BAZZANI SEGNA PER NOI": "SAMP NON PIÙ UNA SORPRESA, MA UNA CERTEZZA. OKAKA MI HA ENTUSIASMATO"

Penso che non si possa non essere tutti d'accordo sul fatto che la Sampdoria sta facendo grandissime cose, un grandissimo...

ESCLUSIVA SN - "CON IL ROSSO NON SI PASSA": "PARTECIPEREI VOLENTIERI ALLA PARTITA PER FLACHI. GIUSTO IL TURNOVER, CON TRE PARTITE IN UNA SETTIMANA"

Non capisco quali siano le problematiche che non abbiano consentito fino ad oggi di disputare una partita di addio al calcio...

#ÈSEMPREDERBY: "SORIANO, IL VALORE AGGIUNTO PER PUNTARE IN ALTO"

Gioie, dolori, liberazioni, sofferenze, emozioni, delusioni che trovano il loro apice in quei 180 minuti, ma si provano, si...

TANTE OCCASIONI, ALTRETTANTE EMOZIONI. SOLO UN PUNTO DA CESENA (1-1)

Live testuale su Sampdorianews.net, cronaca sulle frequenze di Radio19, Sampdorianews.net invita i propri...

SORIANO È OVUNQUE, OKAKA INSOSTITUIBILE, GABBIADINI NON SI VEDE QUASI MAI

Romero 5,5: al 50' sulla prima conclusione in porta non si fa sorprendere e respinge con i pugni una violenta conclusione...

UN GRADINO DOPO L’ALTRO. AUGURI A MANOLO GABBIADINI, L’UOMO-DERBY

“Volete un giorno libero in più? Dovete vincere. Andate a prendervelo”. Sinisa Mihajlovic sa come motivare...
 
Juventus 31
 
Roma 28
 
Napoli 22
 
Sampdoria 21
 
Genoa 20
 
Lazio 19
 
Milan 18
 
Udinese 18
 
Inter 17
 
Fiorentina 16
 
Sassuolo 15
 
Hellas Verona 14
 
Palermo 14
 
Empoli 13
 
Torino 12
 
Cagliari 11
 
Atalanta 10
 
Chievo Verona 9
 
Cesena 8
 
Parma 6

   Editore: TC&C srl (web content publisher since 1994) Norme sulla privacy   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.