VERSIONE MOBILE
tmw
 Domenica 1 Marzo 2015
LE CRONACHE
01 Mar 2015 15:00
Serie A TIM 2014-2015
  VS  
Atalanta   Sampdoria
[ Precedenti ]
SCEGLI IL TUO SAMPDORIA MVP DI SAMP - GENOA!
  
  
  
  
  
  

LE CRONACHE

Primo tempo "alla camomilla", poi ci pensa Foggia a svegliare la Samp: blitz a Grosseto (0-1)

04.02.2012 20:05 di Diego Anelli  articolo letto 1607 volte
© foto di Federico De Luca

Foggia torna a fare la differenza e la Sampdoria sbanca Grosseto. È ancora prematuro definire azzeccata o inutile la rivoluzione di gennaio, ma intanto i blucerchiati ottengono una nuova vittoria esterna al termine di una partita caratterizzata da un netto predominio territoriale doriano e un risicato numero di occasioni da rete almeno per un’ora. Un successo di misura, ma meritato per quanto visto sul campo.

Il Grosseto non ha potuto contare sulla qualità di Caridi e Alfageme, entrambi in ombra, sul fiuto del goal di Sforzini, il quale ha ricevuto pochi palloni giocabili. La Sampdoria, dopo un primo tempo “alla camomilla”, si è svegliata con l’ingresso di Foggia, capace di non dare punti di riferimento ai maremmani, di dialogare in velocità con il resto del reparto offensivo e di estrarre una perla dal proprio cilindro, la terza del proprio campionato.

Ugolotti, al rientro sulla panchina toscana, affida subito le chiavi del centrocampo al neo arrivato Jadid, Caridi e Mancino sulle corsie esterne con il compito di innescare il tandem offensivo composto da Sforzini e Alfageme. Iachini recupera Costa sull’out sinistro, centrocampo rinnovato con Obiang in cabina di regia, assistito dai neoacquisti Renan e Munari, Juan Antonio vince il ballottaggio con Foggia e agisce alle spalle di Pozzi ed Eder, Bertani parte inizialmente dalla panchina.

L’inizio blucerchiato è propositivo; Renan, su scarico di Munari, tenta la conclusione da fuori, Narciso blocca senza problemi. Il n°1 toscano è attento anche al 6’, quando anticipa lo smarcato Pozzi su interessante traversone di Eder dall’out sinistro. La retroguardia locale, in particolare Petras, soffre molto la velocità sullo stretto dell’ex cesenate che mette ancora i brividi al Grosseto quattro giri d’orologio più tardi, quando, su imbeccata di Munari, controlla la sfera di petto e si gira in un fazzoletto, la conclusione è però debole tu per tu con Narciso.

Attorno al 20’ anche il Grosseto comincia a costruire qualcosa in fase offensiva; dopo un’iniziativa di Alfageme innescata da un errore in disimpegno di Costa e bloccata tempestivamente sempre dall’ex difensore della Reggina, ci pensa Gastaldello a sbrogliare un’intricata situazione murando in scivolata la conclusione di Sforzini da favorevole posizione. Il primo tempo prosegue sullo stesso canovaccio: lungo ma sterile possesso palla della Sampdoria, Grosseto chiuso a riccio nella propria metà campo e pronto a ripartire, le occasioni da rete si contano con le dita di una mano.

Dopo un penalty richiesto inutilmente da Eder per uno scoordinato intervento di Petras ai suoi danni, si segnalano soltanto due tentativi di Pozzi, prima servito in profondità da Munari, poi al termine di una palla recuperata da Eder e Renan su Jadid in fase d’impostazione, ma Narciso non corre grossi rischi. Nessun cambio nell’intervallo, le compagini tornano in campo con i medesimi effettivi, ma stavolta è il Grosseto ad iniziare meglio la frazione; cross di Mancino dalla destra, Sforzini di testa anticipa Gastaldello ma non inquadra lo specchio della porta, poi è Alfageme a sfondare sulla destra, ma Romero è attento e anticipa Sforzini, il quale poco dopo anticipa ancora Gastaldello sul gioco aereo, ma il portiere doriano fa buona guardia.

Al 56’ Iachini sostituisce Juan Antonio con Foggia, Ugolotti risponde con Sciacca al posto di Mancino. L’ingresso dell’ex laziale regala alla Samp fantasia, qualità e imprevedibilità e al 65’ pure il vantaggio: Obiang serve Pozzi che, alle spalle alla porta, serve di tacco Foggia, potente conclusione di prima intenzione, una staffilata, la sfera s’insacca alla sinistra di Narciso, un tiro imparabile, un gran goal. A questo punto il Grosseto deve rischiare di più, dentro Lupoli per Crimi, ma sono i blucerchiati a rendersi ancora pericolosi sulle ali dell’entusiasmo; sponda di Eder per l’accorrente Renan, conclusione a giro sul fondo, è ancora Foggia a far impazzire la retroguardia maremmana, servendo due ottime palle a Munari e ad Eder, ma l’ex viola conclude debolmente di testa a tu per tu con Narciso, mentre il brasiliano non trova il secondo palo con il tiro a giro.

Il finale è caratterizzato da ulteriori cambi, Curiale per Alfageme e Bertani per l'infortunato Eder, nuove occasioni da goal e molto nervosismo. Il neo entrato Bertani si ritrova sui piedi due palle per chiudere la pratica Grosseto, ma le spreca, calciando sporco su traversone di Munari dalla destra, e facendosi anticipare da Narciso in uscita disperata dopo un’ottima palla servitagli in profondità da Foggia. Sembra esserci un’unica squadra in campo, eppure, come da tradizione, rischiamo l’ennesimo goal beffa nel finale quando Sforzini, servito da Lupoli, insacca, ma è tutto inutile per posizione di offside. Nel rocambolesco recupero c’è spazio anche per Laczko al posto di Pozzi, vengono espulsi Rispoli, per doppia ammonizione, e mister Iachini, ma, nonostante qualche mischia in piena area, il Grosseto non trova il pareggio e la Samp esulta per la quinta vittoria esterna stagionale, tre punti che possono essere utili se in casa si eviteranno nuovi fallimenti.


Altre notizie - Le Cronache
Altre notizie
 

#ÈSEMPREDERBY: "ACQUAH, APPENA ARRIVATO MA GIÀ FONDAMENTALE"

Gioie, dolori, liberazioni, sofferenze, emozioni, delusioni che trovano il loro apice in quei 180 minuti, ma si provano, si toccano con mano, battono dentro di noi in ognuno dei 365 giorni nei gradoni delle gradinate, alla colazione al bar, al campetto con gli amic...

ESCLUSIVA SN: JACOBELLI: "IL RAPPORTO ETO'O - MIHAJLOVIC MI SEMBRA UN NATURALE PROCESSO DI CONOSCENZA RECIPROCA. NEL DERBY HO VISTO UNA SQUADRA IN RIPRESA"

Passata la sbornia di emozioni che un derby, peraltro rinviato e giocato dopo tre giorni, porta con sè, la Sampdoria...

ESCLUSIVA SN - "CON IL ROSSO NON SI PASSA": "L'ESITO DEL DERBY VA OLTRE IL MOMENTO DELLE SQUADRE. UNA FORTUNA AFFRONTARE QUELL'EMOZIONE"

Sampdoria e Genoa arrivano al derby in due momenti di forma diversi, ma io credo che questo tipo di partite vadano al di...

ESCLUSIVA SN - ŽIVKOVIĆ: "UN GOL NEL DERBY RESTA NELLA STORIA. MIHAJLOVIC HA FATTO UN GRANDE LAVORO, SAPRÀ MOTIVARE LA SQUADRA"

Ogni tifoso di calcio sa che per fare la storia non serve necessariamente un grande nome, o un 10 sulle spalle. A volte sono...

UN PUNTO AL TERMINE DI UN'AUTENTICA BATTAGLIA DA GRANDE DERBY (1-1)

Live testuale su Sampdorianews.net, cronaca sulle frequenze di Radio19, Sampdorianews.net invita i propri lettori a seguire...

VIVIANO CHE COLPO DI RENI. ACQUAH NON SI FERMA MAI, EDER CI CREDE SEMPRE

Viviano 7: incolpevole sul goal, risponde presente su Niang in due occasioni nel corso della prima frazione. Trasmette...

CONCENTRATO SUL PRESENTE. AUGURI A SERGIO ROMERO

Destino singolare, quello di Sergio Romero, portiere titolare dell’Argentina vice campione del mondo che da diverse...
 
Juventus 57
 
Roma 48
 
Napoli 45
 
Lazio 40
 
Fiorentina 39
 
Genoa 36
 
Sampdoria 36
 
Inter 35
 
Milan (1) 34
 
Torino 33
 
Palermo 33
 
Sassuolo 29
 
Udinese (-1) 28
 
Empoli 27
 
Chievo Verona (1) 25
 
Hellas Verona 25
 
Atalanta 23
 
Cagliari 20
 
Cesena 16
 
Parma (-1) 10*
Penalizzazioni
 
Parma -1

   Editore: TC&C srl (web content publisher since 1994) Norme sulla privacy   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.