VERSIONE MOBILE
tmw
 Venerdì 27 Marzo 2015
GIOCAVAMO INSIEME, SEMPRE IO E TE...
04 Apr 2015 18:30
Serie A TIM 2014-2015
  VS  
Fiorentina   Sampdoria
[ Precedenti ]
SCEGLI IL TUO SAMPDORIA MVP DI SAMP- INTER!
  
  
  
  
  
  
  

GIOCAVAMO INSIEME, SEMPRE IO E TE...

Per due campionati, dal 1950 al 1953, mi scordai la Sampdoria

Tradizionale appuntamento con la rubrica di Sampdorianews.net dedicata alla storia blucerchiata.
15.09.2012 13:00 di Guido Pallotti  articolo letto 1573 volte

Per due campionati (1950/51 e 1951/52) il tifo per la Sampdoria non ebbe la priorità assoluta nei miei pensieri; tanto per cominciare all’esame d’ammissione alla prima media ero stato rimandato di Italiano e fu mio padre che si assunse l’impegno di istruirmi nel corso dell’estate affinché riparassi e poiché lui rincasava che già io dormivo, correggeva i compiti e mi assegnava quelli per il giorno dopo. Credo d’avere imparato a memoria sia la grammatica sia l’antologia.

Nell’estate del 1950, mattina e sera facevo gli esercizi e studiavo il pomeriggio andavo a giocare; fu appunto in piazza che seppi che la Sampdoria aveva ceduto il portiere Bonetti e il centrattacco Baldini al Genoa, prendendo dai cugini il mediano Bergamo. Contrariamente a quanto avevo promesso, ho consultato dei manuali per sapere che oltre a quest’ultimo avevano vestito i nostri meravigliosi colori anche il mediano tuttofare Coscia e l’ala destra Lucentini.

In quell’anno sul campo di Don Bosco a Sampierdarena si disputarono i campionati giovanili a sette elementi sia per le classi dal 1939 al 1937, sia per i nati dal 1935 al 36; nel rione dove abitavo furono formate due squadre chiamate Liguria A e Liguria B. Nella Liguria A ci giocavano Gino Stegani, il figlio del custode della palestra Sampierdarenese e Vittorio Baldizzone che insieme con lui avevano venduto bibite le due sere della fusione e mi avevano informato della nascita della Sampdoria.

La Liguria A che indossava le maglie della Sampierdarenese: bianche con la banda trasversale rosso-nera, se la cavò con un dignitoso quinto posto su dieci partecipanti. La squadra Liguria B, della quale ero capitano e indossavamo i colori blucerchiati, fu un pianto, perdemmo tutte le partite, una per 13 – 0 contro la zambo, anche se a scusante devo dire che in quella squadra giocavano il buonanima di Lallo Cervetto, poi nelle giovanili della Samp e prestigiosa carriere nal Pisa, Milli Giordano che negli anni a venire avrebbe giocato titolare nella Sampdoria, Manlio Vigna che avrebbe seguito le sue orme e in una mitica partita nel campionato 1962/63, aveva fermato Paolone Barison, cannoniere del Milan e la Samp che pareggiava 1 a 1 vinse con un magistrale gol su punizione del cileno Jorge Toro.

Tutto preso dal gioco del calcio non prestavo la minima attenzione allo studio al che mio padre se ne accorse e mi disse:«Guarda che se sarai bocciato, ti metterò in collegio e non verrò a trovarti».  Alla fine di quel campionato non potei neppure esultare per la retrocessione del Genoa in serie B, perché fui bocciato. Il primo castigo fu che andai per due mesi nella colonia montana dei Salesiani a Sampietro d’Olba, propedeutica al seguente anno scolastico da interno, sempre dai Salesiani e mio padre lo vidi nelle feste di Natale, durante quelle Pasquali e logicamente a fine anno.

In collegio c’erano tre priorità: la preghiera, lo studio e il gioco, di calcio non se ne parlava affatto, però si giocava molto, diverse squadre si scontravano sul campo a sette, per sapere quante fossero bastava contare il numero dei portieri che difendevano la stessa porta, in compenso chi giocava “sotto” si specializzava nel “driblling” stretto, dovendo scartare sia avversari suoi sia quelli delle altre squadrette. Finì l’anno scolastico, ero stato promosso e l’anno seguente, quello della seconda media, avrei frequentato l’istituto da semi convittore, dalle otto di sera alle sette di sera; quando iniziò il campionato, con mamma facemmo un patto, la domenica che la Sampdoria giocava a Marassi, mi avrebbe dato 500 £ire, 400 per il biglietto d’ingresso in gradinata sud, 60 £ire per le due corse in tram, e le rimanenti 40 per qualche ghiottoneria. L’altra domenica soltanto 100 £ire.

La prima partita che andai a vedere e da solo, fu contro il Napoli fresco dell’acquisto del centrattacco Hasse Jeppson, il giocatore più pagato da sempre, 107 milioni di £ire. Finì zero a zero; la formazione della Sampdoria la ricordo benissimo: Moro, Gratton, Podestà; Opezzo, Fommei, Gei, Galassi, Bassetto, Arce, Gotti, Sabatella. Arce. (Quando quest’anno la Samp ha acquistato Estigarribia, un cronista, erroneamente ha detto che era il secondo paraguayano tesserato dalla Sampdoria, perché il primo era stato l’allenatore Heriberto Herrera, notizia falsa perché nel campionato 1952/52, nel Doria, anche se per poco, aveva militato il paraguayano Dionisio Arce, prelevato dal Torino).

Una curiosità; allora per dovere d’ospitalità quando c’era il pericolo di far confusione con le maglie, la squadra ospitante doveva cambiare colore della casacca per far giocare l’avversario con i propri colori. Quell’anno, prima di vedere la Sampdoria giocare con la nostra meravigliosa divisa, assistetti alle partite casalinghe con: Napoli, Atalanta, Lazio, Como, Spal, Pro Patria; tutte con il colore celeste o blu dominante; finalmente, a metà dicembre contro la Fiorentina e con indosso il blucerchiato, vincemmo quattro a zero. Fu nel corso di quel campionato che in una partita pareggiata uno a uno a Marassi col Novara, vidi giocare il mitico Silvio Piola. Per la curiosità dei lettori, la Sampdoria, in caso di confusione di maglie, in casa si schierava con maglia e calzettoni rossi e calzoncini bianchi.
 


Altre notizie - Giocavamo insieme, sempre io e te...
Altre notizie
 

ESCLUSIVA SN - PRIMAVERA, CORSINI: "IL NOSTRO GIRONE È IL PIÙ COMPETITIVO, LA FORZA DEL GRUPPO È FONDAMENTALE. FELICE DI INDOSSARE QUESTA MAGLIA"

Un suo tocco al volo, un pallonetto dalla parabola perfetta a pochi giri di lancetta dal 90' di Sampdoria-Trapani, ha regalato alla Primavera di mister Chiesa un'importante vittoria per la classifica e per il morale. Il settimo centro in campionato è valso ad Andrea Corsini anche...

ESCLUSIVA SN - DG PESCARA: "SU BRUGMAN E MEMUSHAJ ALMENO 4-5 SQUADRE DI A, NON SOLO LA SAMP"

Nei giorni scorsi, i rumors di mercato hanno accostato i calciatori Brugman e Memushaj del Pescara alla Sampdoria come...

ESCLUSIVA SN - MARAZZINA: "ROMA E SAMP PIÙ VOTATE AD ATTACCARE. BLUCERCHIATI POSSONO PUNTARE ALL'EUROPA LEAGUE"

E’ stato uno dei protagonisti di quel Chievo delle meraviglie che nella stagione 2001/2002 fu capace di raggiungere lo...

UN SILURO DI EDER PROIETTA LA SAMP DOVE SI PUÒ SOGNARE (1-0)

Live testuale su Sampdorianews.net, cronaca sulle frequenze di Radio19, Sampdorianews.net invita i propri lettori a seguire...

ETO'O IMMARCABILE, MURIEL REGALA MAGIE, ACQUAH ONNIPRESENTE

Viviano 6,5: i principali pericoli arrivano dai tentativi da fuori di Guarin. Sulla fucilata dal limite nella prima frazione...

UNA FRECCIA DA SCOCCARE. AUGURI A DUNCAN, FORZA DELLA NATURA

L'anno di nascita è il 1993, ma Joseph Alfred Duncan sta bruciando le tappe e, a ventidue anni compiuti oggi,...
 
Juventus 67
 
Roma 53
 
Lazio 52
 
Sampdoria 48
 
Napoli 47
 
Fiorentina 46
 
Torino 39
 
Milan 38
 
Inter 37
 
Genoa (-1) 37
 
Palermo 35
 
Empoli 33
 
Udinese (-1) 33
 
Chievo Verona 32
 
Sassuolo 32
 
Hellas Verona 32
 
Atalanta 26
 
Cagliari 21
 
Cesena 21
 
Parma (-2) 9*
Penalizzazioni
 
Parma -3

   Editore: TC&C srl (web content publisher since 1994) Norme sulla privacy   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.