Prima gioia per Lulic, Eramo e Torreira ai play-off, Rocca e Bonazzoli si giocano la salvezza contro Fedato

"A farsi le ossa" è la rubrica settimanale che vi tiene aggiornati sulle prestazioni dei giovani blucerchiati in prestito nelle serie minori.
 di Lidia Vivaldi  articolo letto 1886 volte
Prima gioia per Lulic, Eramo e Torreira ai play-off, Rocca e Bonazzoli si giocano la salvezza contro Fedato

Siamo ormai alle battute finali della stagione, e mentre i giovani blucerchiati in prestito in Lega Pro hanno concluso la regular season, per Eramo e Torreira c'è già la certezza di disputare i play-off per conquistarsi un posto in Serie A. 

Il centrocampista uruguaiano in forza al Pescara firma la sua terza rete stagionale chiudendo le marcature contro il Lanciano (4-0) con un contropiede in solitaria concretizzato con una finta e cucchiaio ai danni dell'incolpevole Cragno. Il gol arricchisce una prestazione positiva, che non si ripete tuttavia sugli stessi standard nella successiva gara esterna contro il Modena, ugualmente vinta con largo scarto dagli uomini di Oddo, ma in cui il blucerchiato appare meno lucido.

In campo nella gara dell'Adriatico anche Michele Rocca, il cui unico guizzo è un'occasione in scivolata ad inizio primo tempo, e Federico Bonazzoli, subentrato nei minuti finali. I due ex nerazzurri partecipano anche al pareggio del turno successivo contro la Ternana, risultato che non permette al Lanciano di districarsi dall'accesa lotta salvezza, trovandosi ora ad un punto dalla retrocessione diretta, alla vigilia dello scontro diretto con il Livorno del doriano Francesco Fedato, sotto di due lunghezze.

Play-off sicuri anche per il Trapani di Serse Cosmi, autentica rivelazione del campionato cadetto, e vittorioso nell'ultimo turno sul Crotone già promosso. Il centrocampo granata si avvale come sempre del generoso apporto di Mirko Eramo, utile in particolare nella manovra offensiva per scardinare la difesa calabrese. Il mediano cresciuto nella Primavera blucerchiata risulta invece meno incisivo nel turno precedente sul campo della Pro Vercelli, dove il Trapani non riesce ad andare oltre l'1-1.

Si chiude senza sorprese la stagione dei giovani impegnati in Lega Pro: nell'ormai retrocesso Savona il portiere Wladimiro Falcone lascia il posto al suo secondo Cincilla nelle ultime due gare di campionato, mentre Mattia Placido scende in campo per tutti i 90 minuti sia contro il Prato che nell'ultima gara casalinga in cui gli striscioni si congedano dal proprio pubblico con una vittoria di misura sulla Pistoiese. 

Non riesce invece a regalare un'ultima vittoria ai propri sostenitori la Pro Patria, che chiude una stagione travagliata con le sconfitte contro Mantova e Renate. Entrambi i giovani doriani in forza alla formazione lombarda Sampietro e Petdji Tsila giocano titolari, ma senza mai lasciare il segno. Anonimo anche il finale del Cuneo, che con Renate e Cremonese raccoglie un solo punto non riuscendo così ad evitare di giocarsi la salvezza ai play-out. Per i piemontesi in campo anche Andrea Corsini, con un minutaggio limitato agli ultimi scampoli di partita. 

Non riesce a conquistare i punti decisivi per la permanenza diretta in Lega Pro nemmeno il Pro Piacenza, nonostante la vittoria contro il Sudtirol nella penultima giornata. Al Garilli torna in campo da titolare Luca Piana, dopo un periodo di scarso impiego, rispondendo con una buona prestazione.

Non ha nulla più da chiedere al campionato il Matera di Gabriele Rolando, che conclude la sua stagione con i due pareggi contro Lupa Castelli e Monopoli. L'esterno blucerchiato scende in campo da titolare nella gara finale al XXI Settembre, mentre a Rieti subentra nella ripresa riuscendo a dare una scossa ai compagni, che rimontano così i due gol di svantaggio, e andando anche in rete con un inserimento su traversone di Carretta, gol tuttavia annullato per fuorigioco.

Tra i giovani in prestito all'estero spicca il buon momento di Karlo Lulic, che dopo un inizio di stagione con pochissimi minuti all'attivo ha invece trovato più spazio nelle partite finali. Nella vittoria casalinga contro il Mlada Boleslav parte titolare, e si rende protagonista aprendo le marcature al 37' del primo tempo: progressione sulla sinistra di Havel che mette al centro, velo di Mosquera all'indietro per Lulic che si avventa sul pallone e spedisce alle spalle di Divis con un mancino potente e preciso. Per il trequartista croato si tratta del primo gol tra i professionisti.