Bonazzoli si sblocca, faticano Fedato e Ivan, a Latina la colonia blucerchiata conta su De Vitis

"A farsi le ossa" è la rubrica settimanale che vi tiene aggiornati sulle prestazioni dei giovani blucerchiati in prestito nelle serie minori.
 di Andrea Vazzoler  articolo letto 607 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Bonazzoli si sblocca, faticano Fedato e Ivan, a Latina la colonia blucerchiata conta su De Vitis

Le buone notizie per i giovani blucerchiati in prestito in Italia e in Europa, questa volta arrivano da Brescia. Il giovane attaccante Federico Bonazzoli si sblocca a Padova contro il Cittadella e segna il suo primo gol stagionale che spiana la strada per l'ampio 3-0 finale a favore dei lombardi. La squadra di Brocchi si mostra subito col piglio giusto e già alla metà del primo tempo passa in vantaggio con il giovane scuola Inter che, ricevuto l'assist di Morosini, si disimpegna bene in area di rigore e batte di sinistro Alfonso. I gol per gli attaccanti sono linfa vitale, e il ragazzo di Manerbio non fa eccezione a questa regola, prendendo sempre più fiducia e rendendosi pericoloso in un altro paio di occasioni, anche di testa. Buona anche la prova di Martinelli, diligente e puntuale nelle chiusure di centrocampo, che viene sostituito verso fine gara per evitare sanzioni peggiori una volta ammonito.

Nella sfida tra Latina e Ternana ci sono sei giocatori di proprietà della Sampdoria ma solo De Vitis da una parte e Palumbo dall'altra, sono della partita; 1 a 1 come anche il risultato finale del match. Il centrocampista del Latina, questa volta, offre una prestazione senza grandi onori ma riesce comunque, in avvio di partita, ad impensierire il portiere ternano Di Gennaro che compie un miracolo dopo una bellissima azione personale del numero 30 nerazzurro. Non brilla neanche il centrocampista ternano Palumbo che, dopo aver iniziato bene mettendosi in mostra con un bel tiro da fuori che sibila il palo di Pinsoglio, cala vistosamente durante il prosieguo del match con troppi errori e pochi palloni giocati in verticale.

Tra le fila del Latina, Rocca e Rolando rimangono seduti in panchina, Varga è ancora indisponibile, mentre Criscuolo continua a fare presenza nella formazione Primavera, questa volta anche sotto le vesti di capitano.

Brutto tonfo invece per il Bari, che soccombe per 0-4 al neopromosso Benevento sul campo del San Nicola. Gli uomini di Stellone, dopo un primo tempo pressoché privo di emozioni, capitolano senza appello nella ripresa, permettendo agli ospiti di dilagare con il rigore di Ceravolo e le marcature di Buzzegoli, Ciciretti e Jakimovski, frutto di azioni in cui la difesa biancorossa si è lasciata tagliare come burro. Negativo anche l'impatto dei giovani blucerchiati sull'incontro: David Ivan, schierato nuovamente sulla fascia destra dal primo minuto, non sembra trovare la quadratura per dare il proprio contributo, mentre Fedato subentra nell'ultimo sofferto quarto d'ora, quando il Bari si ritrova assediato nella propria metà campo senza mai riuscire ad impensierire gli avversari.

In Serie A continua la crisi del Crotone, sconfitto in casa dall'Atalanta grazie anche alla buona prestazione dell'ex doriano Petagna, autore del gol che sblocca il risultato dopo appena 2 minuti. Ancora in ombra Leonardo Capezzi, inconsistente nel primo tempo, quando gli ospiti consolidano il vantaggio, mentre si mette maggiormente in evidenza nella ripresa, ma la reazione della squadra di Nicola non basta a riaprire la gara. 

All'estero panchina per Karlo Lulic e Andres Ponce; Jakub Hromada deve invece rinviare il ritorno in campo a causa ancora di qualche fastidio muscolare.